Daimler: problemi chip affondano vendite globali Mercedes in terzo trim. (-30,5%)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 6 ott. – (Adnkronos) – I problemi globali nelle forniture di semiconduttori 'affondano' i risultati di Daimler nel terzo trimestre con consegne mondiali di vetture Mercedes-Benz scese a 434.784 unità (-30,5%), anche se da inizio anno il bilancio resta positivo con consegne a quota 1.617.508 (+3,0%). Il gruppo tedesco segnala "la solida domanda globale e una buona acquisizione di ordini" ma soprattutto il balzo dei modelli elettrificati – fra ibride plug-in e 100% elettrici – che tra gennaio e settembre hanno raccolto 184.369 ordini (+142,7%).

"Mercedes-Benz sta facendo ogni sforzo per garantire che gli ordini dei clienti possano essere evasi" si sottolinea in una nota aggiungendo che "la situazione dell'offerta di chip rimane volatile e si prevede che la carenza continuerà a incidere sui prossimi trimestri in termini di produzione e vendite".

A livello regionale da inizio 2021 spicca il risultato nell'area Asia-Pacifico con 788.713 consegne (+5,6%) di cui 592-203 units (+4%) in Cina, che ha assorbito una forte quota di modelli di alta gamma. La profittabilità del gruppo è sostenuta dall'ottima accoglienza alla nuova generazione dell'ammiraglia Classe S con vendite globali aumentate nei primi nove mesi del 45% a 62.306 unità. Bene anche le vendite della divisione Amg (116.394 unità consegnate e +30,6%), dei modelli della Classe G (31.637 unità e +29,6%) e della lussuosa Mercedes-Maybach (10.809 unità e +41.8%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli