Dal 22 luglio la Biennale Danza: arte totale oltre i confini

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Venezia, 20 lug. (askanews) - Si apre il 22 luglio la 16esima edizione del Festival internazionale di danza contemporanea della Biennale di Venezia, uno di quei "Luoghi" nei quali l'idea astratta di arte prende forme fisiche, che aprono lo spazio a riflessioni più larghe e complesse. Diretta da Wayne McGregor la Biennale Danza 2022 è significativamente intitolata "Boundary-Less", un progetto che vuole andare oltre limiti e confini, come è nello spirito di una pratica che oggi ha tutte le caratteristiche per essere profondamente contemporanea. "I confini fisici svaniscono con la stessa rapidità con cui vengono ridisegnati quelli geografici. E tuttavia lo spirito dell'uomo trascende continuamente sé stesso verso uno stato di perenne indefinitezza, impermeabilità, libertà", ha detto McGregor, aggiungendo poi che "i lavori e gli artisti di questo secondo anno non sono catalogabili, sfuggono alla singola definizione, in quanto trascendono il genere e il mezzo espressivo con cui lavorano. Il loro essere senza confini apre nuove strade al fare arte e offre al pubblico sfide inedite in materia di percezione e interpretazione".

Diversi i lavori commissionati o co-commissionati dalla Biennale in programma (S. Teshigawara, R. Molina, D. Tortelli), insieme a novità europee e italiane, fra capofila della danza mondiale e nuove voci. Concorrono a formare "ecosistemi artistici" le diverse discipline di cui si avvale Saburo Teshigawara (Leone d'oro) re-immaginando un'opera seminale come Petrouchka. Mentre la mercuriale danzatrice di flamenco contemporaneo Rocío Molina (Leone d'argento) mette in scena una battaglia fra il suo corpo vulcanico e cinque musicisti dal vivo. Ci guida in un viaggio attraverso il corpo, a partire dalla gola, Diego Tortelli (vincitore del bando per una nuova coreografia italiana) con il suo Fo:NO, un esperimento sonoro e viscerale che vede in scena un beatboxer e tre danzatori. Riunisce sullo stesso palco sette coreografi di prima grandezza, sette diversi mondi artistici per i sette peccati capitali la Gauthier Dance Company di Eric Gauthier - con Aszure Barton, Sidi Larbi Cherkaoui, Sharon Eyal, Marco Goecke, Marcos Morau, Hofesh Shechter e Sasha Waltz. Sono confini e barriere reali quelle infrante da Marrugeku, compagnia interculturale di artisti indigeni e non, unica nel suo genere in Australia, sotto la guida della coreografa Dalisa Pigram e la regista Rachel Swain: Straight Talk è un grido di libertà per l'abolizione di tutte le forme di violenza, oppressione, confinamento.

Con potere sciamanico Rudi Cole e Júlia Robert di Humanhood fondono nel linguaggio del corpo fisica moderna e misticismo orientale offrendo in Infinite uno spettacolo che è anche meditazione. A.I.M di Kyle Abraham, voce potente di una visione politica della danza che programmaticamente si impegna a nutrire della storia e della cultura Black, sarà a Venezia con Requiem: Fire in the Air of the Earth; mentre la danza espansa di Trajal Harrell, che metabolizza Vogue dance, postmodern, butoh, ricerca e cultura pop, arriva alla Biennale con Maggie the Cat, dal testo di Tennessee Williams, per interrogarsi su potere, gender, intolleranza, inclusione.

Si spingono oltre i limiti dello spazio reale rendendo visibile l'invisibile Tobias Gremmler con l'installazione scenica digitale di Collisions e Blanca Li con la danza in V/R di Le bal de Paris, dove reale e virtuale si confondono. Indigo Lewin, esponente di una nuova generazione di fotografi radicali, che mette al centro della sua ricerca il corpo, svelerà i suoi intimi ritratti di danza, colti durante la sua residenza alla Biennale Danza 2021.

Inoltre i partecipanti di Biennale College saranno protagonisti di due importanti appuntamenti: un lavoro site specific commissionato a Saburo Teshigawara e uno spettacolo che ripensa Piazza San Marco Event in omaggio a Merce Cunningham che lo realizzò 50 anni fa a Venezia, mentori Daniel Squire e Jeannie Steele del Cunningham Trust. Intitolato Event, lo spettacolo itinerante è frutto della collaborazione tra Biennale College, l'Archivio Storico della Biennale e il Cunningham Trust. Completa il tributo a Cunningham il film d'arte Craneway Event, ultima sperimentazione del coreografo americano intorno alla pellicola, complice l'artista Tacita Dean. Dance Film Screenings è una giornata non stop di proiezioni video-cinematografiche di ogni genere, misura e formato con documentari, videoclip, microfilm, tutto quanto sia danza sul film e nel film. Incontri e laboratori con gli artisti presenti al Festival completano il programma.

"I nostri corpi - ha aggiunto il direttore McGregor - sono più trasmutabili che mai mentre ci addentriamo in mondi virtuali, ci trasformiamo attraverso la meditazione o semplicemente ci teletrasportiamo per un attimo in una sorta di metaverso, quel mondo fantastico in cui tutto è possibile". Anche da questo confronto, da questo apparente allontanamento dalla dimensione fisica della pratica dei danzatori, c'è un confronto con l'idea di confine che la Biennale Danza del 2022 porta avanti, consapevole di come solo la complessità sia la via su cui l'arte può trovare la sua maggiore forza e rilevanza, oggi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli