Dal 30 dicembre, le radio FM non saranno più integrate negli smartphone

·2 minuto per la lettura
Smartphone
Smartphone

Mancano soltanto pochi giorni all’entrata in vigore ufficiale di una legge che renderà impossibile, per tutti gli smartphone, ascoltare la radio FM senza l’ausilio di app o senza la necessità di ricorrere al web.

Stop alle radio FM sugli smartphone

Le radio FM non potranno più essere integrate negli smartphone: è quanto stabilisce il decreto Sblocca Cantieri, approvato nel mese di giugno 2019 e valido a partire da mercoledì 30 dicembre. In questo modo, verrà esteso anche ai dispositivi di telefonia mobile l’obbligo già imposto ad altre apparecchiature tecnologiche in commercio, fornite di radio FM. Da gennaio 2021, infatti, tutti i dispositivi, per continuare a trasmettere le radio FM, dovranno «essere in grado di ricevere anche i servizi della radio digitale DAB+». Per rendere possibile una simile condizione, i produttori di smartphone dovrebbero provvedere, in fase di assemblaggio, all’introduzione di una nuova antenna e di nuove componenti hardware che ridurrebbero lo spazio necessario per posizionare altri elementi fondamentali. Pertanto, in considerazione anche della scarsa popolarità di cui il servizio gode tra i clienti, i produttori non hanno varato alcun tipo di iniziativa per favorire la legge italiana e continuare a garantire l’integrazione delle radio FM, arricchite dai servizi DAB+, per i propri dispositivi.

A partire dal 30 dicembre, quinti, tutti gli smartphone acquistati nei mesi precedenti provvederanno a disabilitare la funzione mentre i modelli comprati a partire dal nuovo anno saranno già caratterizzati dalla sua totale assenza.

Le iniziative di Samsung

Tra le varie società impegnate in campo tecnologico e telefonico, si può notare come Samsung sia già intervenuta per conformarsi alle direttive italiane rilasciando un update realizzato ad hoc per la penisola. Qualora l’utente si ritrovi in procinto di scaricarlo, la descrizione posta a corredo della release comunica immediatamente le conseguenze che seguiranno all’aggiornamento. L’incipit, ad esempio, dichiara: «Ti informiamo che scegliendo di installare il presente aggiornamento, rimuoverai la funzione Radio FM dal tuo smartphone». Samsung ha, inoltre, precisato che sarà comunque possibile continuare ad ascoltare radio FM scaricando apposite applicazioni, gratuite o a pagamento.

Attualmente, Samsung è stato il primo produttore ad intervenire sulla questione ma sarà presto seguito anche da tutte le altre società di telefonia che dovranno conformarsi al decreto in procinto di attivazione.