Dal web alla tv: alla scoperta dell'ascesa di Antonio Andrea Pinna

·8 minuto per la lettura
Photo credit: Claudio Lavenia - Getty Images
Photo credit: Claudio Lavenia - Getty Images

Il suo nome è Antonio Andrea Pinna, ma la fama l'ha ottenuta attraverso il blog LePerleDiPinna, che ha spopolato prima su Twitter e Facebook, poi, più recentemente anche su Youtube e Instagram, con post e massime all'insegna dell'ironia pungente e talvolta del sarcasmo. A cominciare da come descrive se stesso, visto che si autodefinisce "un cretino con la connessione Internet".

Chi è Antonio Andrea Pinna

Nato a Cagliari il 14 luglio 1986, sotto il segno zodiacale del Cancro, Antonio Andrea ha due sorelle: una si chiama Antonella, mentre dell'altra si sa soltanto che è medico. Sua madre, viene soprannominata dal figlio "Panina" (dal cognome Pani) ed è così che diventerà nota tra i tanti seguaci della webstar. Antonio Andrea trascorre l'infanzia nel capoluogo sardo e, dopo la maturità classica al Liceo Dettori, varca il mar Tirreno iscrivendosi alla Facoltà di Economia aziendale e management dell'Università Bocconi di Milano. Presto, dopo appena un anno di corsi, si accorge però che non è quella la sua strada, così cambia e si iscrive a Giurisprudenza. Gli studi in legge durano due anni, ma ancora una volta Antonio Andrea non è felice: si trasferisce così a Roma per frequentare il corso di Scienze della Moda e del Costume all'Università La Sapienza. Per la terza volta, tuttavia, capisce che non è quella la sua vocazione professionale: decide allora di ritirarsi definitivamente dall'Università per entrare nel mondo del lavoro. In un'intervista a Fanpage ha descritto ironicamente il suo percorso universitario "una labirintite cronica, però devo dire che ogni facoltà che ho frequentato nel suo piccolo mi ha dato qualcosa".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Antonio Andrea Pinna, la svolta professionale

Il successo professionale e la notorietà per Antonio Andrea Pinna arrivano quasi per caso, come lui stesso ha più volte spiegato in molte interviste. "Il mio bisogno di scrivere nasce da un licenziamento senza giusta causa. Io ero un vetrinista, ovvero una figura specializzata nell'allestimento e nella preparazione delle vetrine dei negozi. Quando vivevo a Roma sono stato chiamato da un’azienda sarda per curare l’estetica di una catena di negozi". Antonio Andrea fa così ritorno nella sua bella regione, ma a causa di motivazioni di carattere economico-societario, trascorsi pochi mesi dalla sua assunzione, riceve il benservito. "Dopo soli tre mesi la voglia di investire sul look dei punti vendita è venuta meno e la mia figura è stata eliminata. Così mi son trovato in una città in cui non sarei mai tornato, con una macchina che non avrei mai acquistato e senza uno straccio di lavoro". Ma proprio in quella situazione di difficoltà, nel giro di poco tempo, la vita di Antonio Andrea sarebbe cambiata per sempre. "Sono stato poco bene e ho trascorso del tempo a casa dei miei dove ho iniziato a scrivere, poi dopo un anno ho iniziato a mantenermi con LeperlediPinna e ho capito che il mio mestiere non sarebbe più stato quello del vetrinista, ma tutt'altro. Che poi devo ancora capire cos'è".

LePerlediPinna, il blog di Antonio Andrea Pinna

Con il blog LePerlediPinna Antonio Andrea raggiunge l'immediata popolarità. "All'inizio lo facevo per passare il tempo. - rivela -, infatti ho scritto delle cattiverie dedicate a coloro che mi avevano dato il ben servito". Le sue frasi irriverenti diventano molto popolari su Facebook, dove la sua pagina fa il boom di seguaci, con gli utenti del social network che riconoscono il suo talento e mettono un raffica di "mi piace". "Sui social sono estremamente spontaneo, - dice di se stesso - una cosa che cerco di fare sui social è smetterla di inventare una vita perfetta a tutti i costi. Racconto belle cose e brutte cose. Ho raccontato della mia depressione e di quando sono stato lasciato, così come racconto dei miei viaggi o degli eventi a cui partecipo. C'è questa tendenza del ‘guarda la mia vita e invidiami', che a me fa accapponare la pelle".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

In poco tempo il suo blog e le sue massime approdano anche sugli altri social network e superano i confini della Sardegna, dandogli celebrità. Antonio Andrea diventa un influencer di successo e capisce che quello che era nato come sfogo è ormai diventato un lavoro. Su proposta della sua accanita fanbase, le sue Perle vengono stampate su t-shirt e commercializzate. "I miei lettori più accaniti mi proposero di fare le magliette con le mie massime. Me lo proposero per mesi, fino a quando non diedi loro retta e cominciai a produrle. Inizialmente le pensai come dei gadget per i fan. Dopo una sola settimana dalla produzione hanno cominciato a chiamarmi dei negozianti. E da lì è nato tutto".

Antonio Andrea Pinna: le esperienze in tv e i libri

Il successo de LePerlediPinna porta Antonio Andrea Pinna a tornare a Milano e a fare altre esperienze lavorative importanti. Nel 2015 partecipa al fortunato programma di casa Rai Pechino Express, condotto da Costantino Della Gherardesca, e lo vince in coppia con il personal trainer Roberto Bertolini. "È stata un'esperienza bellissima, molto difficile, soprattutto per uno come me che non corre neanche se lo scippano" racconta a Fanpage. Arrivano anche altre possibilità televisive, che però per un motivo o per l'altro non si concretizzano: prima fa un provino per l'Isola dei Famosi, salvo poi rinunciare, quindi tenta, senza successo, di essere preso per il Grande Fratello Vip. "L'Isola è un'esperienza troppo tosta, per me è troppo, son troppo anziano... Invece il Grande Fratello Vip l'avrei fatto, ma la cosa non è andata in porto". Ma Antonio Andrea Pinna si è cimentato anche con la scrittura del suo primo romanzo, che si intitola I panni degli altri. A riguardo l'influencer spiega: "Racconto la storia di un ragazzo, che si trova davanti a un bivio e deve scegliere se fare quello che vogliano gli altri o quello che vuole lui. Preciso che si tratta di un romanzo molto leggero, che non è autobiografico ma parte da uno spunto autobiografico. Il protagonista, Eugenio, è come me della provincia di Cagliari e ha delle passioni che non corrispondo ai desideri della famiglia". Non è però la prima esperienza letteraria del blogger cagliaritano: nel 2012 aveva raccolto le sue massime di maggior successo nel libro Le Perle di Pinna, "una raccolta di 700 delle mie massime e una sorta di zibaldone delle mie perle", mentre nel 2015 aveva pubblicato L'amore è eterno finché è duro.

Photo credit: Venturelli - Getty Images
Photo credit: Venturelli - Getty Images

Antonio Andrea Pinna, l'esperienza della depressione

Nella sua vita l'influencer sardo ha sperimentato sulla sua pelle anche la sofferenza della depressione. "Mi è stato diagnosticato un disturbo bipolare, per fortuna leggero, l'ho detto pubblicamente e questo è stato considerato rivoluzionario. Io sento di non aver fatto niente, però purtroppo siamo in un periodo così buio in cui raccontare di stare poco bene e di andare dallo psichiatra diventa un atto di coraggio. La base di tutto è l'ignoranza, è il non sapere. Tutto nasce dal non sapere". La depressione, curiosamente, è subentrata nella vita di Antonio Andrea in un periodo felice, e non in una fase di down: "A me è stata diagnosticata questa patologia nell'anno più felice della mia vita, in cui mi sono accadute tutte cose molto liete, nonostante ciò mi è venuta la depressione. La gente è ignorante e pensa che la depressione ti viene quando sei molto triste. La depressione è invece come l'influenza: quando ti viene non puoi farci nulla. Se dico che sono depresso mi dicono che sono un irriconoscente, che sono uno che sputa nel piatto in cui mangia".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Antonio Andrea Pinna, la vita privata e sentimentale

Nella sua vita privata Antonio Andrea Pinna ha avuto la forza di fare coming out, rivelando al mondo la sua omosessualità. In passato gli è stata attribuita una storia proprio con Roberto Bertolini, il suo compagno di viaggio in Pechino Express. È stato lui stesso tuttavia a negare con forza questa voce. "Sono single ormai dalla preistoria, da più di due anni, e infatti mi sto abituando, non so più come ci si relazioni con un'altra persona. Ora sono troppo abituato a vivere da solo". Se vuoi sapere qualcosa di più di lui, sappi che è alto 176 cm (ma come dice lui "a causa di alcuni problemi posturali sono un po' gobbo e sembro più basso") e pesa 70 kg. Ama gli animali e in particolare il suo dobermann, che ha chiamato anche in questo caso con grande ironia "Erode il Grande".

Antonio Andrea Pinna, progetti futuri

Le pagine del blog LePerlediPinna, ad anni di distanza dal boom, continuano a essere seguitissime sui social. Antonio Andrea Pinna ha attualmente oltre 450 mila seguaci su Facebook, poco meno di 30 mila followers su Twitter e quasi 550 mila followers su Instagram e per stare dietro a tutto con regolarità è aiutato ovviamente da alcuni collaboratori. Per il futuro le idee e i progetti non mancano: "Nel cassetto ho tanti sogni, forse troppi... Ma meglio così. Potrei battere tante strade, e non nel senso che mi prostituisco! Mi piacerebbe fare lo scrittore, o il giornalista, avere una rubrica su un magazine o fare l’opinionista musicale, cinematografico, d’arte. Mi piacerebbe anche fare lo sceneggiatore. Non escludo nulla".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.