Dal cdm il via libera alla proroga per il referendum: la Lega non partecipa al voto

·1 minuto per la lettura
- (Photo: Ansa)
- (Photo: Ansa)

Via libera del Consiglio dei ministri, secondo quanto si apprende, decreto legge ‘Disposizioni urgenti in materia di giustizia e disposizioni di proroga in tema di referendum, assegno temporaneo e Irap’. Al voto, secondo quanto viene riferito, non hanno partecipato i ministri della Lega, che avrebbero espresso dissenso sulla scelta di prorogare i termini per la presentazione delle firme.

La misura era stata chiesta dai promotori dei quesiti sulla cannabis legale che lamentavano una discriminazione con gli altri referendum e i ritardi dei comuni nella consegna dei certificati elettorali. Le firme, infatti, sono state raccolte solo online, attraverso lo Spid. Ma per la consegna alla corte di Cassazione - che normalmente deve avvenire entro il 30 settembre - sono necessari anche i certificati elettorali dei firmatari e molti uffici stavano tardando l’invio.

Ieri, proprio per sollecitare il governo, era stata indetta una manifestazione davanti a Montecitorio. La notizia della proroga imminente è stata accolta con molta soddisfazione da chi era in piazza.

Sabato, nel giorno in cui erano state mandate le diffide ai comuni inadempienti perché erano centinaia di migliaia le firme che ancora mancavano all’appello, i promotori avevano scritto a Mattarella e cominciato lo sciopero della fame. Lunedì era arrivato anche l’appello del numero uno dell’Anci, il sindaco di Bari Antonio Decaro. Pur comprendendo le difficoltà dei comuni, chiedeva ai colleghi di adempiere alle richieste dei promotori. Al fotofinish l’epilogo positivo per coloro che hanno voluto il referendum.

La misura varrà anche per i quesiti sul green pass.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Leggi anche...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli