Dal motore termico all'elettrico, quando il rumore è una protezione

no credit

AGI - Con i veicoli elettrici passeremo dall'età del caos e del rumore all'era del silenzio. E forse ci dovremo abituare. Il silenzio può essere infatti anche un disturbo e persino un pericolo. Possibile? Secondo un articolo del New Yorker, “l'udito è un sensore attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7” perciò “il cervello deve ignorare gran parte del normale rumore bianco metropolitano, pur rimanendo attento a suoni insoliti che potrebbero essere di vitale importanza.

Il cervello in stato di veglia svolge una funzione di filtro simile nel paesaggio sonoro urbano, ignorando il maggior numero possibile di rumori privi di significato”.

Scrive il prestigioso settimanale americano che i ricercatori della neurobiologia dell'udito spiegano questo fenomeno in termini di novità e adattamento, perché “i suoni familiari e regolari, come motori a combustione interna e condizionatori d'aria, non ci svegliano” mentre “un disturbo nuovo o irregolare emerge, almeno all'inizio, in mezzo al disordine sonoro”.

Il silenzio potrebbe essere uno di questi? Osserva il New Yorker: “Lungi dal fondersi in una sorta di ecosistema acustico, i rumori della città tendono a competere tra loro per essere ascoltati: un incontro uditivo in gabbia in cui alla fine vince il suono più forte” cosicché ora “l'elettrificazione della mobilità offre all'umanità una rara opportunità di immaginare di nuovo il modo in cui le città potrebbero suonare.

Motociclette elettriche, auto, camion e furgoni sono legalmente obbligati a sostituire tutti i veicoli con motore a combustione interna (ICE) a New York, Los Angeles e in altre città entro la metà del secolo, un cambiamento che altererà profondamente la struttura acustica della vita urbana.

Il motore a combustione interna, oltre ad essere l'unica maggiore fonte di CO 2emissioni, è la principale causa di inquinamento acustico globale, che studi hanno dimostrato di avere un effetto corrosivo simile sulla salute umana” per cui “quando si muovono a velocità più elevate, i veicoli elettrici producono all'incirca lo stesso rumore del vento e della strada dei veicoli ICE, ma a velocità più basse funzionano quasi in silenzio: l'elettricità scorre dalla batteria al motore, che gira a malapena ronzio udibile. Qui sta la promessa e il pericolo dei veicoli elettrici per gli abitanti delle città”.

Ed ecco il punto: “Un veicolo a emissioni zero ha evidenti vantaggi per l'ambiente – scrive il settimanale – ma un'auto silenziosa è una benedizione mista per il bene pubblico. I motori delle automobili, per quanto fastidiosi li trovino i cittadini che non guidano, sono ricchi di informazioni, fornendo una rete sonora protettiva che ci protegge dalle collisioni mentre navighiamo per le strade. Non solo il rumore del motore annuncia la presenza di un veicolo”.

Negli States una legge ad hoc per introdurre rumori nei veicoli silenziosi

Insomma, gli stessi disturbi che il cervello ignora mentre si dorme possono “aiutare a guidare quando si va in bicicletta nel traffico e non si riesce a distogliere lo sguardo dalla strada per guardarsi indietro. E, per i pedoni distratti dai loro telefoni, i suoni del motore sono salvavita di tutti i giorni, poiché il lontano ruggito della tigre lo era per far sonnecchiare i primi umani. Solo che i predatori sono veicoli a motore e quelli nuovi sono praticamente silenziosi”.

Pertanto, in risposta a questa minaccia e per ovviare, il Congresso Usa ha approvato il Pedestrian Safety Enhancement Act del 2010, una legge a cui pochi americani hanno prestato attenzione all'epoca e che ha richiesto quasi dieci anni per essere attuata: “Come risultato della normativa, ogni veicolo elettrico e ibrido prodotto dal 2020 e venduto negli Stati Uniti deve essere dotato di un sistema di avviso pedoni, noto anche come sistema di allerta acustica del veicolo (AVAS ), che emette rumori da altoparlanti esterni quando l'auto viaggia a meno di diciotto miglia e mezzo all'ora (normative simili si applicano in Europa e in Asia).

Cosicché le case automobilistiche, in previsione, hanno ora arruolato musicisti e compositori per assisterli nella creazione di sistemi di allarme piacevoli e proprietari, oltre a suonerie e toni interni al veicolo.

Per il momento “solo una su venti auto nuove vendute negli Stati Uniti è un veicolo elettrico, quindi questi avvisi sono ancora una rarità a New York, ma un giorno tutti vivranno con loro. Mi chiedo già come farò a dormire”, si domanda l'estensore dell'articolo del New Yorker, anche perché “ci sono voluti molti sforzi per rendere più rumorosi i veicoli naturalmente silenziosi”.

Il Pedestrian Safety Enhancement Act, che richiede un "suono o una serie di suoni per tutti i veicoli della stessa marca e modello", è stato approvato nelle ultime ore del 111° Congresso e il presidente Barack Obama lo ha firmato in legge il 4 gennaio 2011. La legge non ha specificato come dovrebbero suonare tali avvisi.

Questa domanda ha richiesto sei anni per essere risolta dall'NHTSA e ha portato a trecentosettantadue pagine di regole e parametri acustici per lo più numerici.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli