Dal sogno del dottorato a Oxford ai corsi per gli adolescenti di Scampia: "Qui mi sento utile"

·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
Vincenzo Rosati e i ragazzi di Scampia (Photo: hp)
Vincenzo Rosati e i ragazzi di Scampia (Photo: hp)

“Ascolta il tuo cuore. Solo lui può dirti se hai il coraggio per fare questa scelta”. Sono state le parole di nonno Gianni a convincere definitivamente Vincenzo Rosati, latinista di 24 anni, che la sua decisione era giusta: lasciare una promettente carriera universitaria nel Regno Unito e tornare in Italia, a Scampia, per tenere corsi di recupero agli studenti delle scuole medie. “Cosa voglio fare da grande? Educare, aiutare i ragazzi a crescere, ad esprimere ciò che di bello hanno dentro e i loro talenti. Così mi sento davvero utile”, racconta all’HuffPost questo giovane, che ha messo a disposizione le proprie competenze per il bene collettivo. Oggi insegna storia e musica a una classe di dodici ragazzi e il pomeriggio tiene il doposcuola per un gruppo di adolescenti Rom.

Il curriculum di Vincenzo è lastricato di traguardi: dopo un brillante percorso al liceo classico, si laurea in Lettere classiche all’Università di Bologna, vive l’esperienza dell’Accademia Vivarium Novum di Frascati, punto di riferimento per lo studio, l’insegnamento e la promozione delle lingue classiche. Concluso il periodo bolognese, prende il volo. Destinazione Inghilterra. Lì, alla University College London, anima la “Living Latin Society”, dove insegna a leggere e cantare in latino. Poi arriva il sogno di Oxford: prima diventa uno dei membri dell’Oxford Latinitas Project, dove il latino è vivo per davvero e viene parlato in conferenze, lezioni, feste o eventi; poi, il latinista presenta un progetto di dottorato alla prestigiosa università su Guarino Veronese, poeta e umanista italiano vissuto nel Quattrocento. Ma è il 2020. La pandemia cambia i progetti e le priorità di molti, anche quelli di Vincenzo.

Lo studioso torna in Italia. “Non mi sembrava più il momento di stare all’estero. Vedevo il sacrificio e l’impegno dei me...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli