Dall’oculista 20 mln italiani l’anno. Ma covid ha fatto segnare passo

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 lug. (askanews) - Dalla cataratta alle maculopatie all'aumento delle miopie nei giovanissimi a tutte le novità dell'avanzamento clinico-scientifico.: si apre domani A Roma, in presenza e online, il 18mo Congresso Internazionale degli oculisti SOI. "in tutta sicurezza" come sottolinea il presidente SOI, Matteo Piovella con i migliori esperti a livello globale. "Ogni anno circa 20 milioni di persone si rivolgono all'oculista, circa un terzo della popolazione. Ma Il Covid - ricorda - è stato per noi devastante: lo scorso anno abbiamo eseguito 450mila cataratte in meno rispetto alle 600 mila che si fanno ogni anno e abbiamo liste d'attesa che arrivano fino a 3 anni. Il 90% delle persone affette da maculopatie non ha accesso alle cure migliori". Quest'anno obiettivo puntato sulla miopia dei giovanissimi con il lavoro degli specialisti SOI (settemila oculisti italiani ) che in un apposito simposio cercheranno di mettere a punto delle linee guida per affrontare la patologia. " Nei Paesi asiatici - spiega Luigi Mele consigliere SOI - i dati ci dicono di un aumento dell'80% della patologia nei ragazzi. I dati in UE, ma risalgono al 2010 parlano del 20-30%. Questo significa che fra 15-20 anni il 50% della popolazione mondiale potrebbe essere miope: una vera e propria pandemia ". In Italia oggi si contano 18 milioni di miopi, 3 milioni di ipermetropi e 3 milioni di astigmatici, ricorda Piovella, di tutte le novità della ricerca e dell'assistenza si discuterà nel corso del Congresso: da domani a domenica 11 luglio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli