Dalla Luna alla Terra: se Carlo Sibilia difende Lamorgese e attacca i No Vax

·2 minuto per la lettura
ROME, ITALY - OCTOBER 04: Carlo Sibilia, Member of the Movement 5 Stars during the protest of the cheated savers against the Save Banks Decree in front of the Italian Parliament,on October 4, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)
ROME, ITALY - OCTOBER 04: Carlo Sibilia, Member of the Movement 5 Stars during the protest of the cheated savers against the Save Banks Decree in front of the Italian Parliament,on October 4, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)

Sarà merito della Gravity parlamentare ma fa un certo effetto veder tornare Carlo Sibilia sulla Terra in così poco tempo e con accelerazioni degne di Sandra Bullock. In fondo tre anni di legislatura non sono molti, anche se è pur vero che per un movimento come quello 5 stelle equivalgono a tre ere geologiche.

Però avevamo lasciato il sottosegretario al ministero dell’Interno alle prese con la “farsa” dello sbarco sulla Luna e con altre facezie, qualcuna anche contro i “bankster” come il suo attuale premier Draghi, molte prontamente rimosse.

Così consola leggere di Carlo Sibilia che responsabilmente difende la sua diretta superiore, il ministro Lamorgese, messa sulla graticola dalla destra per la gestione dell’ordine pubblico a piazza del Popolo e l’oltraggio alla Cgil da parte di Forza Nuova: “Attaccarla è una follia”. Difesa di prammatica, ci sta.

E ci sta anche: “Sembra quasi che invece di condannare chi si è macchiato di una tale violenza lo si voglia proteggere, usando il ministro come scudo”. E lasciamo perdere se in tema di ordine pubblico, in passato lo stesso si sia un po’ smarrito commentando così un attentato in Canada: “Opera di un pazzo o di qualcuno che ha ritrovato la ragione?”.

Semmai destano maggiore meraviglia le parole sui No Green Pass: “Consapevoli del fatto che l’alternativa al Green Pass è il No Vax. Per cui, chi strizza l’occhio ai No Vax si comporta da irresponsabile”, ha dichiarato circa quattro anni dopo essere stato querelato dall’allora ministro della Salute Lorenzin, perché l’aveva definita “folle” per un decreto sull’obbligo vaccinale.

Poco male, viva la transizione. Evidentemente la frequentazione con il tanto vituperato Palazzo ha effetti collaterali: è efficace per rendersi conto dell’esistenza delle principali regole della fisica e della chimica, delle ricadute tecniche sulla medicina e sulla biopolitica, e soprattutto per evitare la legge invocata nel 2012 per consentire i matrimoni “anche tra specie diverse, purché consenzienti”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli