Dalla NBA alla presidenza del Lione? Parker: “Non potrei rifiutare”

E’ stato per anni uno dei migliori playmaker della NBA, uno dei punti di riferimento di quei San Antonio Spurs che dal 2003 al 2014 per quattro volte sono riusciti a vincere il campionato.

Tony Parker è una delle grandi leggende del basket mondiale, ma il suo futuro potrebbe essere nel mondo del calcio. Ritiratosi nel 2019, si è dedicato completamente all’ASVEL, squadra di pallacanestro transalpina che è strettamente legata all’Olympique Lione.

Proprio dal Lione potrebbe partire la sua nuova avventura nel mondo del calcio, tanto che negli ultimi giorni hanno preso sempre più vigore le voci che lo vorrebbero destinato a subentrare a Jean-Michel Aulas.

Lo stesso Aulas, che è presidente dell’OL dal 1987 e che avrebbe intenzione di farsi parte nel 2023, non ha nascosto il fatto che Parker potrebbe avere tutte le qualità per raccogliere la sua eredità.

“Sento davvero che ha tutte le caratteristiche giuste. Ha qualità professionali e umane e nutro profondo affetto per lui e per tutto ciò che rappresenta. Ho un’idea in testa e ne ho discusso con Tony. Non c’è alcuna decisione presa né da una parte e né dall’altra, così come nulla è stato deciso dai nostri azionisti”.

L’ex stella della NBA, parlando a L’Equipe, ha ammesso di essere interessato ad un’ipotesi di questo tipo.

“E’ vero, se un giorno dovesse chiedermelo, penso che sarebbe una posizione che non potrebbe essere rifiutata. Sono contento di quello che sto facendo oggi e voglio continuare a crescere con Jean-Michel, per continuare ad imparare da lui. Vedremo tra qualche anno”.