Dalla Sardegna agli Usa per avere giustizia

Tre marines americani gli hanno distrutto l’auto e adesso Giovanni Agostino Tamponi, cittadino sardo residente ad Olbia, chiede giustizia e li porta in tribunale. E’ l’Unione Sarda a seguire la vicenda e a raccontare quanto accaduto quella folle notte del primo dicembre 2005: i tre militari statunitensi, di età compresa tra i 29 e i 38 anni, a quanto sembra reduci dalla guerra in Iraq, escono da un pub del centro storico di Olbia dopo aver alzato un po’ troppo il gomito, e si recano in via De Filippi, dove è parcheggiata l’automobile dello sfortunato cittadino.
 
Un soldato americano impazzisce e fa strage di civili
 
I tre americani decidono così di accanirsi sulla vettura, e come se non bastasse uno dei tre marines prende anche la videocamera e riprende la scena che immortala il suo collega in preda ai fumi dell’alcol salire sulla Fiat Uno del cittadino sardo e saltare ripetutamente sul cofano e sulla cappotta. Il video, spiegheranno poi i tre militari, doveva essere poi postato su YouTube per gioco e mostrare la loro bravata al mondo intero. Il proprietario dell’auto si accorge però di quanto sta accadendo e scende in strada ovviamente alterato per protestare, ma viene accolto da insulti e schiaffi, che lo costringeranno a ricevere delle cure presso il pronto soccorso della zona.
 
Ecco perché un soldato italiano non avrebbe dato fuoco al Corano in Afghanistan

I marines, due giovani californiani e uno originario della Louisiana, sono ad oggi ancora sotto processo per lesioni e danneggiamento, ma la giustizia che il signor Tamponi ha richiesto in tutti questi anni ancora non è stata fatta. Il residente di Olbia pretende infatti una risposta dai responsabili dell’atto di vandalismo oppure dallo stesso governo Usa.

Ecco perché le crociate americane dall’Iraq alla Libia fanno solo disastri
 

Yahoo! Notizie - Storie curiose dagli Usa

Ricerca

Le notizie del giorno