Dalla Scala ai vaccini, le tante vite del Palazzo delle Scintille

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 apr. (askanews) - Il più grande hub vaccinale della Lombardia è stato allestito a Milano all'interno del Palazzo delle Scintille, l'edificio di piazza VI febbraio più noto per decenni come il Padiglione 3 della vecchia Fiera. L'edificio, costruito in meno di sei mesi su progetto di Paolo Vietti Violi e inaugurato nell'aprile 1923, fu pensato come multifunzionale fin dalle origini e non ha tradito questa sua vocazione. Nel corso della sua lunga storia ha infatti ospitato diverse grandi competizioni sportive, dalla Sei Giorni di Ciclismo a incontri di pugilato e partite di basket ai massimi livelli.

Nel 1946 poi il Teatro alla Scala non poteva ospitare l'intera stagione musicale, troppi i danni subiti nella Guerra. La Fiera di Milano mise così a totale disposizione il proprio padiglione, il primo ricostruito, che ospitò l'intero anno operistico scaligero. Così il 20 luglio 1946, dopo l'avvallo formale del maestro Arturo Toscanini, il Palazzo si trasformò in un grande teatro, capace di oltre 6 mila posti. Nel 2005, con il trasferimento della Fiera a Rho, l'edificio viene donato al Comune; nel 2017 Citylife spa lo ha ristrutturato, e tra il 2019 e il 2020 è stato acquisito da Generali Real Estate.

La gestione del nuovo centro vaccinale, che è organizzato per somministrare circa 10.000 inoculazioni al giorno, dalle 8.00 alle 20.00, weekend compresi, sarà coordinata dalla Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico, in stretta collaborazione con ASST Rhodense, Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Besta, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, ASST Santi Paolo e Carlo.

Il polo disporrà di 72 linee di erogazione vaccinale e di un percorso codificato a tappe che parte dall'accettazione e registrazione dell'utente all'anamnesi col medico, prosegue verso i box di inoculo del vaccino e termina presso la zona di osservazione e prenotazione della seconda dose, dove avviene la consegna del certificato vaccinale al termine del ciclo di vaccinazione. L'avvio del nuovo Centro è previsto per domenica 25 Aprile, con le prime 2.000 vaccinazioni prevalentemente dedicate a pazienti estremamente vulnerabili.