Dalla scrivania di Pelosi al carcere, arrestato 'Bigo' Barnett

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Dalla scrivania di Nancy Pelosi al carcere. E' stato arrestato Richard 'Bigo' Barnett, il dimostrante diventato uno dei simboli dell'assalto al Congresso del 6 gennaio. Barnett è stato immortalato nell'ufficio di Pelosi, con i con i piedi sul tavolo: la foto ha fatto il giro del mondo. Al ritorno a casa, in Arkansas, il 60enne è stato arrestato e ora deve rispondere di tre capi di imputazione per reati federali, tra cui furto di proprietà privata.

Barnett, come ha spiegato alle tv dopo l''impresa', oltre a fare irruzione nel Congresso ha anche sottratto un plico dall'ufficio dello speaker. "Non l'ho rubato, ho lasciato un quarto di dollaro sulla sua scrivania", ha detto alle telecamere. Durante l'irruzione, ha anche lasciato un messaggio per Pelosi, scritto su una cartellina: "Noi non ci ritireremo". Ad identificare immediatamente Barnett sono stati alcuni media locali: il Democrat-Gazette che ha anche pubblicato precedenti foto e video dell'uomo, noto per essere anche un attivista locale pro armi.

Anche il sindaco di Gravette, Kurt Maddox, ha confermato che Barnett è residente nella zona. 'Bigo' è un elettore registrato nella contea di Benton, senza l'indicazione del partito. Dai registri elettorali risulta che ha votato nelle ultime quattro elezioni presidenziali.