Dall'avvocato di Corona libro denuncia sui vizi della giustizia

Fcz

Milano, 12 nov. (askanews) - "Una mattina ti suonano alla porta. Ti arrestano, ti sequestrano tutto, ti distruggono sui giornali. Poi, ma solo poi, ti processano. Inizia un incubo. Che ho visto tante, troppe volte succedere". E' l'amara riflessione che l'avvocato Ivano Chiesa, stimato penalista conosciuto soprattutto come difensore di Fabrizio Corona, affida alle pagine del suo libro "I diritti dei cattivi", edito da Piemme e in vendita da oggi. Basta uno sguardo alla copertina per capire qual è il filo conduttore dell'opera: "Anche i cattivi hanno diritti e i buoni non dovrebbero dimenticarlo, perchè è proprio attraverso la difesa dei diritti dei cattivi che in realtà si difendono e si affermano i diritti di tutti i cittadini".

"I diritti dei cattivi" è dunque un libro denuncia sui vizi capitali della giustizia italiana: moralismo, pressapochismo, abuso di misure di prevenzione e cautelari, impunità dei giudici, giustizialismo, pentitismo e pena di morte. Tutti argomenti che Chiesa affronta nelle 160 pagine del testo con un linguaggio diretto e proprio per questo chiaro e comprensibile anche per i non addetti ai lavori. "Se è in galera qualcosa avrà fatto. Bisognerebbe cacciarlo dentro e buttare via la chiave. Quante volte - osserva l'autore - ho sentito queste frasi. D'altro canto questo è il pensiero dominante così come pensiero dominante, suggerito da programmi televisivi, giornali, film, è quello secondo cui il pubblico ministero è un semidio e l'avvocato difensore è un azzeccagarbugli, nella migliore delle ipotesi o, nella peggiore, un complice di quel farabutto del suo cliente. Beh, mi sono stancato. E quindi, ho deciso di scrivere un libro, questo libro, per raccontare un'altra verità. La verità di chi da trentacinque anni fa un mestiere bellissimo e terribilmente difficile: il penalista. Attraverso alcuni casi reali accadutimi nel corso della mia carriera racconterò la giustizia penale 'dal di dentro', con i suoi limiti e con i suoi errori, vista con gli occhi di chi ha sempre difeso i diritti dei 'cattivi'". Perché, sottolinea ancora Chiesa, "con questa giustizia per trovarsi 'dall'altra parte', credetemi, ci vuole veramente un attimo".

Sarà lo stesso autore a presentare "I diritti dei cattivi" giovedì prossimo a Milano insieme a Giuseppe Guastella, giornalista de "Il Corriere della Sera" specializzato in cronaca giudiziaria. L'appuntamento è per le 18.30 alla libreria Rizzoli in Galleria Vittorio Emanuele II.