Dall'Italia il coronavirus si è diffuso in 7 Paesi

L'epidemia di coronavirus si estende ai Paesi vicini all'Italia: ad ammalarsi connazionali in vacanza, originari del Nord Italia o persone che ci sono state di recente. Questi i casi, in dettaglio, finora rilevati:

  • Spagna: un medico italiano e sua moglie, in vacanza a Tenerife nelle isole Baleari, sono stati trovati positivi al test e sono stati messi in isolamento. A Madrid è stato trovato positivo uno spagnolo che di recente era stato in Italia. Positivo anche un ventiduenne catalano che era stato di recente in Italia.
  • Croazia: il premier Andrej Plenkovic ha confermato che un giovane croato è il contagio registrato nel Paese e in tutti i Balcani. Il giovane, che mostra sintomi lievi, la settimana scorsa era stato a Milano.
  • Austria: Due italiani sono risultati positivi al coronavirus in Tirolo; entrambi di 24 anni, sono originari della Lombardia e vivono a Innsbruck. Secondo le autorità, al momento accusano febbre e non sono in pericolo di vita.
  • Svizzera: Primo caso, nel Canton Ticino; si tratta di un uomo di 70 anni che è stato contagiato nella zona di Milano durante una manifestazione.  
  • Algeria: è stato registrato il primo caso di contagio da Covid-19 in Algeria. Si tratta di un cittadino italiano, secondo quanto ha riferito il ministro della Salute del Paese arabo. L'uomo è arrivato in Algeria il 17 febbraio scorso, ed è ricoverato all'istituto Pasteur, dove si trova in quarantena.
  • Brasile. Primo caso di coronavirus in Brasile: un uomo di San Paolo, appena rientrato dall'Italia, è risultato positivo ai test. Il 61enne, ha fatto sapere l'ospedale israelita Albert Einstein in una nota riportata dal quotidiano Folha de Sao Paulo, "è in buone condizioni e non ha bisogno di essere ricoverato, resterà in isolamento nei prossimi 14 giorni", a casa.
  • Grecia Atene ha annunciato il suo primo caso di contagio da coronavirus. La paziente è una donna greca di 38 anni, ritornata da un recente viaggio in una zona del nord Italia, ha spiegato Sotiris Tsiodras, portavoce del ministero della Salute.