Dallocchio si sfila da corsa a Palazzo Marino per il centrodestra

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 gen. (askanews) - "In questo momento faccio felicemente il professore universitario, ho qualche attività professionale. Un cambiamento a 180 gradi della vita è difficile francamente da prendere in considerazione". Maurizio Dallocchio, professore ordinario di Finanza aziendale all'Università Bocconi di Milano, si sfila dalla corsa per Palazzo Marino tra le file del centrodestra. "In tanti - ammette Dallocchio - tante volte me lo hanno chiesto". Ma la risposta per ora è "no, grazie".

Il nome di Dallocchio era circolato, ancora nelle ultime ore, come possibile candidato per il centrodestra a sindaco di Milano insieme a quello di Roberto Rasia dal Polo che, invece, pubblicamente ha dato la sua disponibilità a questo incarico. Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia da settimane sono alla ricerca del nome giusto per sfidare alle prossime amministrative Beppe Sala, che ha recentemente confermato la sua ricandidatura. In realtà molti dei nomi fatti circolare hanno declinato l'invito: è il caso dell'ex prefetto di Milano, Alessandro Marangoni, o del giornalista Paolo Del Debbio. O quello di alcune donne sondate dal centrodestra, come l'avvocato Annamaria Bernardini De Pace, che ha declinato l'offerta, o la stessa Letizia Moratti, già sindaco di Milano dal 2006 al 2011, il cui nome è stato riproposto da Silvio Berlusconi senza incontrare, a quanto pare, la disponibilità dell'interessata.