Damiano: aumentano morti sul lavoro, dati molto allarmanti

Pol/Arc

Roma, 31 lug. (askanews) - "È grave il fatto che aumentino le morti sul lavoro. Secondo i dati resi noti dall'Inail, nei primi sei mesi di quest'anno si registra un incremento del 2,8% degli incidenti mortali rispetto allo stesso periodo del 2018". Lo dichiara Cesare Damiano, dirigente del Partito democratico, a proposito dei dati diffusi dall'Inail sugli infortuni sul lavoro registrati nei primi sei mesi dell'anno.

"È ancora più preoccupante - continua - il fatto che tutto questo avvenga a fronte di un incremento delle ore di cassa integrazione che, sommate, equivalgono nel semestre 2019, a circa 139.000 lavoratori totalmente assenti dalla produzione. Questo dato si somma, poi, al calo di ore complessivamente lavorate rispetto al 2008, anno dell'inizio della crisi: secondo alcune fonti sindacali, ammonterebbe a circa un miliardo di ore su base annua che corrispondono a quasi 600mila lavoratori in meno. In sintesi: meno ore lavorate, più cassa integrazione crescita delle morti sul lavoro".

"C'è di che allarmarsi seriamente, al di là della propaganda quotidiana che ci propina il governo", conclude.