Damiano a Iv: totem da mettere in discussione è Jobs Act

Pol/Vep

Roma, 30 dic. (askanews) - "Italia Viva si sta caratterizzando per l'abbattimento dei 'totem' che sarebbero il Reddito di Cittadinanza e Quota 100. Mi ricorda la battaglia di quei finti ecologisti che vorrebbero le strade pulite, ma gli inceneritori lontani dal loro giardino di casa". Lo dichiara Cesare Damiano, dirigente del Partito democratico.

"Vale a dire: abbattiamo - continua - i totem tuoi, peró i miei non si toccano. Mi spiego meglio: le due misure, adottate dal Governo precedente, sono sicuramente criticabili, come abbiamo affermato tante volte, ma sarebbe estremamente controproducente rompere nuovamente un patto stipulato con i cittadini, anche se fatto da un Governo diverso, perché si tratta di provvedimenti che hanno a che vedere con la vita delle persone. Basta con il tradimento delle aspettative che allontana i cittadini dalla politica. Lo abbiamo già sperimentato con il dramma degli esodati. Vogliamo ripetere l'errore per un fatuo desiderio di posizionamento politico? Hanno fatto bene fonti non meglio precisate di 'Palazzo Chigi' a sottolineare che le due misure non si toccheranno. Vorrei anche osservare che, come le ciliegie, un totem tira l'altro: a qualcuno potrebbe venire in mente di abbattere quello degli 80 euro di Renzi, il che sarebbe un suicidio".

"Un altro totem, invece, che deve essere messo, questo sì, in discussione, è il Jobs Act, una misura che non ha niente a che vedere con una politica volta alla difesa dei più deboli, perché ha reso liberi i licenziamenti illegittimi rendendo più precario il lavoro e alienato le simpatie di quei lavoratori che non si sono più sentiti rappresentati da chi avrebbe dovuto invece tutelarli", conclude.