Danimarca: elezioni, Frederiksen verso riconferma premiership

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Copenaghen, 31 ott. (Adnkronos/Dpa/Europa Press) – La Danimarca va alle urne questo martedì in un'elezione generale indetta in anticipo, dopo che il Partito Social Liberale, membro della coalizione di governo con i socialdemocratici, ha costretto il primo ministro, Mette Frederiksen, ad anticipare il voto in cambio della non presentazione di una mozione di sfiducia. I sondaggi sembrano essere favorevoli ai socialdemocratici e il premier uscente ha ora più consensi rispetto a quando, a inizio ottobre, le elezioni sono state indette.

Questo, nonostante la criticata gestione economica del Paese da parte di Frederiksen, in un momento convulso per l'intero vecchio continente a causa della guerra in Ucraina, che ha subito polemiche anche per lo sterminio dei visoni, deciso a causa di una mutazione del coronavirus: entrambi argomenti che hanno spinto il premier danese, a inizio mese, a indire nuove elezioni, otto mesi prima della scadenza tecnica dell'attuale legislatura in cui, dopo le elezioni del 2019, i socialdemocratici sono arrivati al governo con il sostegno non solo del Partito sociale liberale, ma anche dalla Sinistra Verde e dall'Alleanza Rosso-Verde di sinistra.

Gli ultimi sondaggi in Danimarca danno ai socialdemocratici circa il 25,7 per cento dei voti, superando di gran lunga il partito liberale-conservatore di sinistra Venstre, attualmente il secondo partito con più rappresentanze in Parlamento e leader del cosiddetto 'blu bloc', l'opposizione danese.