In Danimarca la sinistra ha vinto ma con margini risicati, si guarda al centro

no credit

AGI - Il blocco di sinistra danese guidato dal primo ministro Mette Frederiksen si è rivolto al centro per una più ampia collaborazione mercoledì dopo aver conquistato la maggioranza di un seggio in un'elezione generale al cardiopalma. Il blocco "rosso" di Frederiksen, composto da cinque partiti, sembrava destinato a perdere la maggioranza man mano che lo spoglio dei voti si protraeva per tutta la serata di martedì, ma al momento dello spoglio degli ultimi voti il blocco ha ottenuto gli 87 seggi necessari nella Danimarca continentale. Insieme ad altri tre seggi provenienti dai territori autonomi d'oltremare delle Isole Faroe e della Groenlandia, il blocco detiene un totale di 90 dei 179 seggi del Parlamento.

I sondaggi avevano previsto un'elezione storicamente debole per i socialdemocratici, che invece hanno guadagnato due seggi rispetto alle elezioni del 2019, ottenendo il 27,5% dei voti. "La socialdemocrazia ha avuto la sua migliore elezione in oltre 20 anni", ha detto Frederiksen in un discorso ai sostenitori della campagna all'inizio di mercoledì. "Siamo un partito per tutta la Danimarca", ha aggiunto.

Il blocco "blu" di destra - un'alleanza informale liberale e conservatrice sostenuta da tre partiti populisti - ha ottenuto 72 seggi nella Danimarca continentale e uno nelle Isole Faroe. La vittoria al fotofinish ha deluso le speranze di un partito centrista di recente creazione, i Moderati, di giocare il ruolo di kingmaker - un risultato che sembrava probabile fino a quando Frederiksen non si è assicurato la maggioranza.

Il partito era stato creato solo pochi mesi prima dall'ex due volte primo ministro Lars Lokke Rasmussen, che sembrava destinato a tornare ancora una volta al centro della politica danese dopo una campagna elettorale in cui sia la destra che la sinistra si erano contese il suo favore. I moderati, che due mesi fa avevano ottenuto appena il 2% dei consensi, hanno conquistato oltre il 9% dei voti e Lokke Rasmussen ha insistito sul fatto di voler essere "il ponte" tra la destra e la sinistra.

"Congratulazioni Mette Frederiksen per il tuo mandato a guidare la Danimarca nei prossimi anni. L'Europa deve rimanere unita nella lotta contro l'autocrazia e l'aumento vertiginoso del costo della vita. Il Parlamento europeo e' un partner naturale nella promozione della diversita' energetica, delle energie rinnovabili e nella lotta al cambiamento climatico". Lo scrive in un tweet la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola.

Congratulations Mette Frederiksen on your mandate to lead Denmark in the next years.

Europe must stay united in standing up against autocracy & spiralling living costs.@Europarl_DK is a natural partner in promoting energy diversity, renewables & fighting climate change.

— Roberta Metsola (@EP_President) November 2, 2022