In Danimarca stop ad AstraZeneca

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

La Danimarca ferma AstraZeneca e cancella il vaccino dalla propria campagna per i rischi di trombosi legati alla somministrazione del farmaco. Lo hanno annunciato le autorità sanitarie del Paese. La decisione conferma e rafforza la sospensione provvisoria decisa l'11 marzo. Già da un mese, la campagna di vaccinazione nel paese procede solo con i prodotti di Pfizer e Moderna. "C'è un possibile collegamento tra casi estremamente rari" di trombosi e " il vaccino AstraZeneca. Questo, abbinato al fatto che l'epidemia di covid-19 attualmente in Danimarca è sotto controllo, che altri vaccini sono disponibili, hanno spinto l'autorità sanitaria danese a decidere di proseguire la campagna di vaccinazione senza il vaccino AstraZeneca", si legge in una nota. La Danimarca lascia aperto uno spiraglio: la decisione "non esclude la possibilità di reintrodurre il vaccino in una fase successiva se la situazione dovesse cambiare".

"Sulla base dei risultati scientifici, la nostra valutazione complessiva è che ci sia un rischio reale di gravi effetti collaterali associati all'uso del vaccino per il Covid-19 di AstraZeneca. Abbiamo quindi deciso di rimuovere il vaccino dal nostro programma di vaccinazione ", ha commentato il direttore dell'Autorità sanitaria danese, Soren Brostrom.

La decisione arriva nel giorno in cui la Germania ha stabilito che i cittadini tedeschi di età inferiore ai 60 anni cui è stata somministrata una prima dose di vaccino AstraZeneca faranno il richiamo con un altro vaccino.