Dantedì: direttore Uffizi, 'Widmann? Provocatore e voce isolata in Germania, da lui tesi estreme' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – “Infine Widmann condanna la struttura stessa della Divina Commedia e afferma che Dante – il Poeta evidentemente non gli piace e anzi gli sta proprio antipatico – decidendo chi finisce nell’Inferno, chi nel Purgatorio e chi nel Paradiso, si sia messo al posto di Dio. Perché, secondo lui? è presto detto: sarebbe un effetto del suo enorme ego. Ma in definitiva, quale potrebbe essere la ragione di questo articolo? Probabilmente – ha ironizzato Schmidt – ad Arno Widmann, sapere che 700 anni prima di lui c'è stato uno scrittore con un ego più grande del suo proprio gli rode, non gli va giù…"