**Danza: è morto Raimund Hoghe, protagonista del Tanztheater con Pina Bausch**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Berlino, 15 mag. – (Adnkronos) – Il coreografo e ballerino tedesco Raimund Hoghe, tra i protagonisti di spicco del Tanztheater, che ha lavorato come drammaturgo per la grande coreografa tedesca Pina Bausch, è morto all'età di 72 anni. Eclettico scrittore, giornalista, sceneggiatore, coreografo e drammaturgo, Raimund Hoghe è stato considerato dal "New York Times" come "il coreografo amante del romanticismo e della bellezza". Iniziò la sua carriera come giornalista per poi assumere il ruolo di drammaturgo per Pina Bausch e la sua compagnia Tanztheater di Wuppertal dal 1980 al 1990. La sua carriera di ballerino e coreografo era iniziata nel 1992 e nel 1994 firmò la prima coreografia.

Acclamato a livello internazionale, è noto per le sue reinterpretazioni del repertorio di balletto classici come "L'Après-midi". Ha ricevuto numerosi premi a livello internazionale come il Premio francese della critica nel 2006 per "Il lago dei cigni" e il Dancer of the Year 2008 da parte rivista "Ballettanz". Tra le sue creazioni "Boléro Variations", spettacolo personalissimo che prende come pretesto la celeberrima musica reinterpretata in chiave moderna da Maurice Ravel. E' autore anche di "Another Dream", trilogia intima sul passato della Germania del '900. Con "Pas de deux" ha reso omaggio al tradizionale passo a due del balletto classico. Creato nel 2011 e rappresentato in prima assoluta nello stesso anno al Théâtre de la Cité Internationale di Parigi, "Pas de deux" è un dialogo tra Raimund Hoghe e il suo alter ego Takashi Ueno che gioca sulle differenze e sulle affinità, sulle somiglianze e sulle deviazioni, attraverso gesti speculari e movimenti intimamente radicati nella formazione professionale e nella storia personale e culturale dei due danzatori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli