Danza, Abbagnato: "Pronti a ricominciare al Circo Massimo con Il Lago, ma è stata dura'

·2 minuto per la lettura

"Avevamo bisogno dopo il lockdown di questa nuova energia, del rapporto con il nostro pubblico. La danza in questi mesi è stata un pò dimenticata. Non nascondiamocelo sono stati momenti difficili per tutti. E' stata una lotta andare avanti, tenere duro, continuare a credere nel nostro corpo di ballo. Ma ce l'abbiamo fatta". E' quanto ha dichiarato all'Adnkronos la direttrice del corpo di ballo del Teatro dell'Opera di Roma Eleonora Abbagnato che lo scorso 11 giugno ha dato il suo addio a Parigi a Palais Garnier, pronta per il nuovo debutto della compagnia capitolina (domani al Circo Massimo) con la ripresa del 'Lago dei Cigni' nella rilettura di Benjamin Pech (dirige l’Orchestra dell’Opera di Roma il maestro Andriy Yurkevych).

Ed ha proseguito la grande étoile: "E' stato un anno diverso, difficile e problematico. Dover provare in sala e poi danzare con la mascherina senza poter respirare... Ci siamo liberati finalmente di una grossa preoccupazione. Siamo sempre tamponati, abbiamo rispettato tutte le regole, distanziamento compreso. La scelta del Lago dei Cigni? Fortemente voluta - ha anticipato Eleonora Abbagnato - In scena 65 ballerini. Si tratta di una fiaba classica, il balletto rappresenta la fatica e la bellezza, in ci saranno scena 65 ballerini".

"Abbiamo sofferto così tanto prima di ritrovarci, non solo fisicamente, ma mentalmente, psicologicamente, ma siamo riusciti ad andare avanti senza mai fermarci, faticosamente e grazie al Teatro dell' Opera siamo riusciti a rimanere in forma. Lo ripeto, non vediamo l'ora di ritrovare il nostro pubblico - ha aggiunto Eleonora Abbagnato - Tutti i miei danzatori in questi mesi complicati hanno dimostrato una grande forza, di essere artisti appassionati. Finalmente il palcoscenico - ha concluso- In video purtroppo e non in presenza è tutta un'altra cosa". Lo spettacolo ha registrato un record di incassi alla prima assoluta del 2018 al Teatro Costanzi, è stato poi ripreso nella stagione 2019/20.

Il lavoro di Pech si innesta in un allestimento magico fatto di scene raffinate e preziosi decor dello scenografo Aldo Buti, con le luci di Vinicio Cheli, cui si aggiunge, per il grande spazio del Circo Massimo, la realizzazione e animazione digitale di Ignasi Monreal. I danzatori capitolini – le étoiles Alessandra Amato e Rebecca Bianchi, i primi ballerini Susanna Salvi e Claudio Cocino e il solista Michele Satriano – si alterneranno con prestigiosi ospiti internazionali, la prima ballerina dell’Het Nationale Ballet di Amsterdam Maia Makhateli e il principal dancer del Bol’šoj di Mosca Semyon Chudin.

Nei ruoli principali di Odette/Odile e del Principe Siegfried vedremo rispettivamente Maia Makhateli e Semyon Chudin il 22 e 25 giugno, Alessandra Amato e Claudio Cocino il 26 giugno e l’1 luglio, Susanna Salvi e Semyon Chudin il 30 giugno, Rebecca Bianchi e Michele Satriano il 2 luglio. Dopo la prima di martedì 22 giugno, in cartellone cinque repliche: venerdì 25, sabato 26, mercoledì 30 giugno, giovedì 1 e venerdì 2 luglio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli