Danza, Musica e Teatro: “Biennali sul presente e sul futuro”

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Venezia, 14 apr. (askanews) - "Arti dal vivo, assolutamente capaci e significative di raccontarci il presente e il futuro come le altre arti e il cinema". Così il presidente della Biennale di Venezia, Roberto Cicutto, ha introdotto, nella conferenza stampa digitale, le nuove edizioni delle Biennali DMT: danza, musica e teatro. Elementi cruciali nella galassia culturale dell'istituzione veneziana, che giocano un ruolo di primo piano, al apri delle arti visive, dell'architettura e del cinema.

"Non sono oggetti quelli che gli spettatori vedranno, ma sono corpi - ha aggiunto Cicutto in relazione alla situazione pandemica che ancora stiamo vivendo - quindi dovremo proteggere sia il pubblico sia chi sta sul palcoscenico. Non siamo qui da un anno e mezzo a raccontare cosa facciamo, siamo qui a raccontare come lo facciamo e come è importante che si riesca a fare fino a prova contraria. L'anno scorso siamo stati premiati, quest'anno contiamo di riuscire a realizzare anche la Mostra di Architettura: i protocolli saranno messi a disposizione di visitatori e addetti ai lavori, sono stati concordati con serietà e massima attenzione con le autorità. I nostri direttori sapranno certamente interpretare tutto ciò che nei festival e nel lavoro di college hanno confezionato, dando ai giovani la possibilità di farsi valere".