Dati Agenas, terapie intensive: stabili al 17%, ma in calo per sei regioni

·1 minuto per la lettura
agenas
agenas

Il nuovo Report Agenas fornsice i dati sull’occupazione delle terapie intensive in Italia: l’occupazione rimane in generale stabile al 17%, è in decrescita in sei regioni.

Report Agenas, terapie intensive: il dato in Italia

L’ente governativo Agenas – Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali – ha fornito ancora una volta il dato aggiornato relativo alle terapie intensive in Italia. I dati ricavati dallo studio evidenziano una sostanziale stabilità, al 17%, nel nostro Paese.

Report Agenas, terapie intensive: il calo in sei regioni

Sono sei le regioni in cui è emerso un calo nella percentuale di posti letto Covid occupati. Si tratta di Calabria (15%), Campania (12%), Liguria (19%), la provincia autonoma di Bolzano (18%), Umbria (9%), Veneto (16%). Cinque regioni hanno visto invece un aumento: Basilicata (al 6%), Emilia Romagna (17%), Friuli Venezia Giulia (22%), Molise (5%) e Piemonte (25%).

Report Agenas, terapie intensive: i reparti ospedalieri

Per quanto riguarda l’occupazione dei reparti ospedalieri da parte di pazienti Covid in situazione non critica si resta al 30%, crescendo in 11 regioni. Si tratta di Abruzzo (al 31%), Campania (31%), Emilia Romagna (28%), Friuli Venezia Giulia (35%), Lazio (31%), Liguria (41%), la provincia autonoma di Bolzano (21%), la provincia autonoma di Trento (27%), Sardegna (18%), Sicilia (38%) e Valle d’Aosta (53%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli