I dati del primo trimestre 2021 sul prodotto interno lordo sono moderatamente incoraggianti

·2 minuto per la lettura
Analisi Istat sul primo trimestre 2021
Analisi Istat sul primo trimestre 2021

Istat, il carrello della spesa di aprile ancora in calo del meno 0,4% e nel primo trimestre del 2021 si è ridotta l’intensità del calo tendenziale del Pil. Calo che secondo quei dati passa dal 6,6% del trimestre precedente all’1,4%. È il commento con cui l’Istituto Nazionale di Statistica analizza la stima preliminare del trimestre. Ma cosa significa? Che il prodotto interno lordo (Pil), “corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato”, è diminuito dello 0,4% rispetto al trimestre precedente.

Istat, il carrello della spesa di aprile ancora in calo del meno 0,4%, va meglio

Questo secondo il parametro di riferimento temporale secco. C’è stato poi un calo addirittura dell’1,4% in termini tendenziali. A fare una sintesi c’è stata dunque una nuova contrazione ma più ridotta, come a dire che le cose vanno leggermente meglio, come previsto dagli analisti, ma non ancora bene. Perché? La nuova contrazione, “di entità più contenuta rispetto a quella registrata nel quarto trimestre del 2020, risente, in particolare per il settore terziario, degli effetti economici delle misure adottate a contrasto dell’emergenza sanitaria”.

Istat, il carrello della spesa di aprile ancora in calo del meno 0,4%, l’azione del governo

Quindi l’azione del governo a contrasto dei danni economici che covid ha fatto all’Italia inizia a far sentire i suoi effetti benefici. Vediamo dove e come partendo dal parametro dell’inflazione: “I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona” ampliano la loro flessione (da -0,1% a -0,4%), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto accelerano (da +0,7% a +1,1%)”. Il dato Istat poi prevede l’analisi del cosiddetto “carrello della spesa”. E lì i prezzi “ampliano la loro flessione portandosi a livelli che non si registravano da febbraio 2018 (quando diminuirono su base annua dello 0,6%)”.

Istat, il carrello della spesa di aprile ancora in calo del meno 0,4%, cosa dice Confindustria

Il commento del centro studi di Confindustria, che dell’economia reale è un po’ da sempre la cartina tornasole assieme alla storica Cgia di Mestre, è incoraggiante: “L’economia italiana intravede la risalita dalla crisi, in linea con l’Europa”. Poi l’avvertimento: “Il mondo è già ripartito. Il Pil è più vicino al rimbalzo”. E ancora: “In Italia sono iniziati da aprile i primi allentamenti delle restrizioni anti-Covid. Ciò condurrà nel secondo trimestre a un piccolo segno positivo del Pil, si conferma lo scenario in cui un forte rimbalzo si avrà nel terzo trimestre, grazie al crescere delle vaccinazioni, anche se restano rischi al ribasso”. Si conta moto sul Piano Nazionale di Resilienza e Resistenza di Mario Draghi di Mario Draghi che in queste settimane sta trovando attuazione concreta.