Dati Fondazione Gimbe sui lavoratori non vaccinati ottobre

·2 minuto per la lettura
vaccino
vaccino

La Fondazione Gimbe ha reso noti gli ultimi dati sui lavoratori non vaccinati. Sarebbero ancora quattro/cinque milioni coloro che non si sono ancora sottoposti al vaccino anti Covid-19. Numeri molto importanti a dire il vero. Servirebbero circa quindici milioni di tamponi a settimana. Sarà obbligo quindi dei diretti interessati sottoporsi al test del tampone per confermare la loro negatività al coronavirus. Si ricorda come sia entrato in vigore l’obbligo del Green Pass sia per i dipendenti della pubblica amministrazione che per i privati.

Lavoratori non vaccinati: milioni i test da processare settimanalmente

Dalla situazione attuale ne consegue che saranno milioni i test che dovranno essere processati settimanalmente. Tuttavia, Gimbe fa notare come il sistema non ha la capacità produttiva per soddisfare una simile richiesta.

Lavoratori non vaccinati, Cartabellotta: “12-15 milioni di tamponi a settimana”

Nino Cartabellotta, presidente Gimbe, ha affermato tramite alcune dichiarazioni riportate dal Corriere della sera: “Se questi 4-5 milioni di lavoratori non si vaccineranno in questa settimana, bisognerebbe fare 12-15 milioni di tamponi a settimana e questo non sarebbe proprio fattibile perché non abbiamo questa capacità”.

Lavoratori non vaccinati: molti italiano non hanno ricevuto ancora la prima dose

Cartabellotta ha inoltre precisato: “Secondo l’ultimo report del Governo, ci sono 8,4 milioni di italiani over 12 che non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino. Di questi, oltre 6.271.788 sono persone in età potenzialmente lavorativa: 914.671 della fascia d’età 20-29, 1.379.327 nella fascia 30-39, 1.702.924 nella fascia 40-49, 1.435.196 nella fascia 50-59 e 839.670 nella fascia 60-69. Secondo i dati ISTAT relativi al 4 trimestre 2020 il tasso di occupazione nella fascia 20-64 anni è del 62,9%: sarebbero dunque quasi 4 milioni i lavoratori non vaccinati, un numero però indubbiamente sottostimato dal sommerso”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli