A Davide Casaleggio venne offerto il Mise

Giacomo Galanti
·Giornalista, HuffPost Italia
(Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)
(Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)

Lei ha detto che le è stato offerto un ministero in questo governo. Chi le ha offerto un ministero e di quale ministero si tratta? “Preferisco non parlare per rispetto alla persona che oggi occupa questo ministero”. Così Davide Casaleggio, presidente di Rousseau, intervistato da ‘Omnibus’ su La7. Crede sia stata un’offerta per ottenere qualcosa in cambio? “Non penso”, ha risposto il figlio del co-fondatore del M5S.

Sembrerebbe che il ministero offerto al capo di Rousseau fosse quello dello Sviluppo economico. All’epoca a Giuseppe Conte non era stato ancora affidato il governo, Luigi Di Maio e Matteo Salvini portavano avanti il confronto, spesso durissimo, per comporre la squadra. Casaleggio rifiutò, e così il Mise venne affidato allo stesso Di Maio, che decise di assumerne la guida insieme a quella del dicastero del Lavoro.

Casaleggio ha poi parlato della situazione odierna del Movimento 5 stelle. ”È vero che ci sono state molte richieste da parte di alcuni parlamentari di riconfigurare il rapporto” tra M5S e Rousseau, “questo anche da parte di Vito Crimi. Io ho dato la mia disponibilità a venire incontro a qualunque esigenza che emergesse. Mi sembra che in questo momento ci sia una volontà di fare questi stati generali, piuttosto che di fare il prossimo voto sul capo politico o qualunque cosa ci sarà successivamente. Penso sia questa la cosa che ha frenato le attività che erano state messe in piedi”.

Rousseau avrà un ruolo agli stati generali? “Stiamo dando supporto in tutte le cose che ci vengono richieste”, ha spiegato.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.