Milano, protesta avvocati penalisti contro Davigo

webinfo@adnkronos.com

L'inaugurazione dell’anno giudiziario a Milano si apre con gli avvocati della Camera penale che lasciano l'aula del Palazzo di Giustizia quando prende la parola Piercamillo Davigo. Un gesto di protesta contro le parole usate dal magistrato contro la categoria e, in particolare, rispetto alla riforma sulla prescrizione. Gli avvocati della Camera penale si erano rivolti al Csm ritenendo inopportuna la presenza di Davigo, presenza invece rivendicata e sostenuta dai magistrati. I legali hanno sventolato tra le mani un foglio (FOTO IN BASSO) con l’intestazione della Gazzetta Ufficiale e la scritta ‘Costituzione della Repubblica’ con riferimento agli articoli 24, 27 e 111. 

C'è stato poi un "si vergogni" durante l'intervento: le urla erano però rivolte da uno dei presenti all’indirizzo di un avvocato che si era alzato in piedi e aveva esposto un cartello di protesta mentre Davigo parlava. L’episodio è successo poco dopo la protesta dei penalisti contro il magistrato, che si è trovato costretto a interrompere l’intervento per poi ricominciare. La protesta contro il presidente della II Sezione penale presso la Corte suprema di Cassazione è stata bloccata dalla presidente della Corte di Appello, Marina Anna Tavassi: "Silenzio, altrimenti uscite dall'aula".