Dazi, Filiera Italia: danno non solo economico ma anche per salute -2-

Red/Apa

Roma, 2 ott. (askanews) - E continua Scordamaglia "in un Paese che fa quotidianamente i conti con l'emergenza sanitaria dell'obesità, gravemente sovrappeso negli USA sono quasi il 40% degli adulti e il 20% degli adolescenti, i dazi su alimenti che sono alla base della dieta riconosciuta come la più sana al mondo e che hanno migliorato sensibilmente l'alimentazione americana, possono solo aggravare il problema". Affermazioni che trovano conferme anche dall'altra parte dell'Oceano, dove solo ieri si è espressa negli stessi termini anche la North America Olive Oil Association, l'associazione americana per la promozione dell'olio di oliva nelle diete e per la corretta alimentazione.

Viaggiano di pari passo le preoccupazioni relative alla Brexit, dove un possibile aumento dei prezzi causerebbe un abbassamento degli standard e di conseguenza disponibilità di cibi meno salutari. "Uno studio presentato dall'Università di Londra - ricorda il coordinatore di Filiera Italia - prevede che in caso di Brexit senza accordo, i prezzi del food sugli scaffali inglesi potrebbero aumentare del 20% e ciò spingerebbe i consumatori a rivolgere i propri acquisti verso prodotti sempre più scadenti, aumentando la percentuale di obesità e malattie metaboliche da cattiva alimentazione che rappresentano già altissime in quel Paese".