Dazi, Trump: "Storico accordo con la Cina, andrò a Pechino"

webinfo@adnkronos.com

"Oggi facciamo un passo enorme che non è mai stato fatto prima con la Cina verso un futuro di commercio equo e reciproco firmando la fase uno dello storico accordo commerciale". Lo ha detto Donald Trump durante una cerimonia alla Casa Bianca per la firma dell'accordo alla presenza del vice premier cinese Liu He.  

Trump ha inoltre annunciato che andrà in Cina "in un futuro non troppo distante". Parlando nell'East Room della Casa Bianca, alla presenza di Liu He e con al suo fianco il vice presidente Mike Pence, il rappresentante Usa per il Commercio Robert Lighthizer e il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, Trump ha rivolto i saluti al presidente Xi Jinping, dicendo che stava seguendo la cerimonia.  

Parlando dell'accordo raggiunto con la Cina, Trump ha sottolineato che "non poteva essere più grande di così, mantenere questi due giganti e queste due nazioni potenti insieme in armonia è importante per il mondo. Il mondo oggi ci sta guardando". Sulla base dell'accordo, Pechino si impegna ad acquistare prodotti Usa per un valore di 200 miliardi di dollari nei prossimi due anni, tra i quali decine di miliardi di prodotti commerciali. L'accordo prevede dei meccanismi di controllo dell'applicazione. Trump ha detto che se verrà raggiunta la fase due saranno ritirati i dazi alla Cina.  

L'accordo, che dagli esperti è stato definito piuttosto una tregua, prevede il congelamento da parte degli Usa del rialzo delle tariffe. "Insieme stiamo raddrizzando gli errori del passato e consegnato un futuro di giustizia economica e sicurezza, molta gente pensava che questo non poteva mai succedere", ha detto Trump.  

L'accordo commerciale firmato da Washington e Pechino è "buono per Cina, per gli Stati Uniti e per il mondo intero", ha detto Xi Jinping in una lettera a Trump che è stata letta dal vice premier cinese Liu He durante la cerimonia della firma alla Casa Bianca. "In questo spirito spero che la parte americana tratterà in modo equo le società cinesi e le loro attività di commercio ed investimenti" prosegue il messaggio del presidente cinese che chiede "un'onesta applicazione" del trattato. "Il prossimo passo che le due parti devono intraprendere è l'applicazione dell'accordo in un modo veramente onesto e ottimizzare il suo impatto positivo", conclude la lettera.