Dc: Rotondi, '30 anni fa moriva Donat Cattin, con lui in vita partito si sarebbe salvato' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Bastava poco -dice ancora il presidente della Fondazione Dc- a fermare tangentopoli: era sufficiente che si alzasse in Parlamento un democristiano di rango dopo Bettino Craxi, e indicasse ai colleghi ammutoliti il re nudo. Sarebbe seguito un decreto, e amen. Avremmo avuto tre settimane di furia iconoclasta dei moralisti a contratto, poi la processione democratica sarebbe andata avanti. Avremmo salvato partiti con decenni di storia, classi dirigenti di professionisti a cui abbiamo preferito avventurieri e ciarlatani".

"Non ho le prove che sarebbe andata così. Ma dentro di me ne sono sicuro. Solo Donat Cattin avrebbe potuto indirizzare l’ultima, melliflua Dc a una virile scelta di difesa della democrazia. Purtroppo Carlo morì un anno prima. Al suo funerale -conclude Rotondi- sedevo tra un giovane avellinese di nome Mario che piangeva a dirotto,e Luca di Montezemolo, che domandó al giovane perché piangesse tanto. Il ragazzo rispose: perché oggi finisce la Dc. Aveva ragione Mario".