Ddl Zan, Faraone contro Cirinnà: "Io esposto a lapidazione social"

·1 minuto per la lettura

Ddl Zan, ancora uno scontro tra il senatore Davide Faraone e la senatrice Monica Cirinnà. "La senatrice Cirinnà ha esposto un collega alla lapidazione social, la prego di intervenire", l'accusa che il presidente dei senatori di Italia Viva, chiedendo l'intervento della presidente del Senato Casellati, rivolge in Aula alla senatrice dem per la pubblicazione di un video dove si vede lo stesso senatore renziano applaudire l'intervento di Matteo Salvini, ieri sera. "Ricordo poi - conclude Faraone - che ieri la pregiudiziale di costituzionalità non è passata solo grazie ai 13 voti di Italia Viva, con il no che è prevalso per 11 voti".

"In Senato adesso pregiudiziali di costituzionalità su #ddlZan. Il capigruppo di Italia Viva Faraone applaude Salvini che spiega perché la Lega ritiene incostituzionale questa legge. No comment", il testo di Cirinnà che accompagnava il video.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli