Ddl Zan, Fedez: "Renzi pagato da italiani, Chiara Ferragni no"

·1 minuto per la lettura

"La cosa che fa capire il livello basso della politica italiana è uno come Matteo Renzi che chiede un dibattito pubblico a Chiara Ferragni, questa è la cosa triste". Fedez a testa bassa contro Matteo Renzi sul Ddl Zan. Dopo le schermaglie social di ieri, il rapper prosegue la sua battaglia e annuncia una diretta Instagram per le 18.30 con Alessandro Zan, Marco Cappato e Giuseppe Civati.

Ieri, come è noto, Renzi ha invitato Chiara Ferragni -moglie di Fedez- ad un confronto sul Ddl Zan. "La cosa che mi stupisce, ogni volta che io e mia moglie ci permettiamo di esprimere il nostro pensiero, è vedere giornalisti, intellettuali e politici che per darci degli stupidi mettono sullo stesso piano il pensiero di Chiara Ferragni e quello della politica italiana. Non colgono la differenza: Matteo Renzi è un politico pagato dagli italiani per rappresentarli, Chiara Ferragni non grava sulle tasche degli italiani. E’ un’imprenditrice che esprime il suo pensiero e può permettersi di esprimere anche un pensiero banale. La cosa che fa capire il livello basso della politica italiana è un politico come Matteo Renzi che chiede un dibattito pubblico a Chiara Ferragni, questa è la cosa triste", dice Fedez su Instagram.

Quindi, il 'menù' della diretta di oggi pomeriggio: "Matteo Renzi ci tiene davvero al Ddl Zan o è il paraculo che ha sempre dimostrato di essere in questi anni di politica italiana. Il voto segreto sul Ddl Zan è davvero necessario? Io, mente semplice e ignorante, vorrei sapere cosa votano i senatori. Perché secretare il loro voto?".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli