Ddl Zan, martedì nuovo round: si cerca l'intesa

·2 minuto per la lettura

Sul ddl Zan "vedremo martedì 6 luglio se ci sarà una ipotesi condivisa. Io sono ottimista". Così il presidente della Commissione Giustizia del Senato, il leghista Andrea Ostellari, al termine dell'incontro con i capigruppo al Senato, dopo il punto sul ddl. "Le audizioni di oggi - ha fatto sapere il leghista - si fanno, intanto adottiamo questa linea di lavoro che martedì verificheremo. Poi sollecitato dai cronisti spiega che "non abbiamo parlato della nota del Vaticano".

Abbiamo lavorato e continueremo a lavorare, ci rivediamo il 6 e poi vediamo che succede", ha ribadito, aggiungendo: "Farò una raccolta delle varie proposte e ne parleremo tutti assieme martedì. Entro venerdì attendiamo le proposte emendative dei gruppi, ci rivediamo martedì 6 alle 11 e cominceremo da lì a parlare. Oggi, fondamentalmente, sono gli articoli 1, 4 e 7 quelli più toccati".

All'ottimismo di Ostellari si contrappone invece il giudizio sul tavolo di maggioranza del capogruppo Pd in commissione Giusizia al Senato, Franco Mirabelli: "Le distanze - dice - restano siderali, la mediazione continua ad apparire molto difficile e non c'è chiarezza sulla necessità di chiudere il provvedimento al più presto, cosa che abbiamo chiesto come priorità. E resta il legittimo sospetto che sia l'ennesimo tentativo di Ostellari e della Lega di perdere tempo...", sintetizza all'Adnkronos. "Quando uno come Malan si siede al tavolo per trovare una mediazione e si alza poco dopo per andare a una conferenza stampa dal titolo 'La legge Zan viola il Concordato', diciamo che i motivi per sospettare ci sono tutti".

Italia Viva ha avanzato alcune proposte di modifica che hanno fatto dire ad Ostellari che c'è disponibilità a rivedere il testo dello Zan, come valuta l'atteggiamento di Iv? "La modifiche che ha proposto Iv - continua Mirabelli - sono anche in parte condivisibili a mio parere. Il punto è che non vanno bene alla Lega dalle cose che abbiamo sentito al tavolo. Per una mediazione serve il consenso di tutti , deve mettere insieme tutta la maggioranza".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli