Ddl Zan, monsignor Paglia: "Modifiche invocate anche dai gay"

·1 minuto per la lettura

Roma, 9 lug.(Adnkronos)

La Chiesa italiana non ha alcuna intenzione di "bloccare" il ddl Zan per arginare l’omotransfobia. Lo ribadisce all’Adnkronos monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la vita. "La Chiesa - osserva il presule all’indomani del nuovo intervento del presidente dei Vescovi Bassetti che ha ribadito la necessità di riformulare il testo - non vuole bloccare il ddl, basterebbe correggerlo. E se prevarrà l’intelligenza è quel che accadrà ".

Paglia in particolare muove un rilievo di fondo al testo: "All’inizio ha le caratteristiche di un ‘manifesto’ più che di un testo legislativo. Qualsiasi giurista ha spiegato le sue perplessità. Anche un buon numero di omosessuali non concorda in toto con la legge" così come è stata scritta.

Scandisce il vescovo Paglia: "Siamo di fronte ad una legge che va riscritta in parte, però avverto che un tema come questo in realtà più che di una legge avrebbe bisogno di una grande opera di educazione perché la lotta alla discriminazione va prima di tutto insegnata ai ragazzi nelle scuole".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli