Ddl Zan, parla Alessandro Zan: "Andiamo in Aula e incrociamo le dita"

·2 minuto per la lettura
Alessandro Zan al Pride 2021 di Napoli. Napoli 3 Luglio 2021  ANSA/CESARE ABBATE/ (Photo: CESARE ABBATE ANSA)
Alessandro Zan al Pride 2021 di Napoli. Napoli 3 Luglio 2021 ANSA/CESARE ABBATE/ (Photo: CESARE ABBATE ANSA)

“Voglio escludere che nelle parole di Renzi si celi un accordo con Salvini, ho i brividi all’idea che ci sia”. Così Alessandro Zan ai microfoni di The Breakfast Club parla dei rischi per la legge di cui è primo firmatario. “Una legge che tutela dai crimini d’odio non si può barattare con un accordo di potere. Renzi vuole essere protagonista di una mediazione, ma rischia di far saltare la legge. La destra invece vuole solo decapitarla. Paura che la legge non venga approvata? Intanto, andiamo in aula dalla commissione Giustizia e incrociamo le dita. Poi leggiamo gli emendamenti dei partiti. Nel Pd ci sono dubbi e perplessità su alcuni punti, ma siamo compatti. Se Italia Viva vota compatta, in Senato ci sono i numeri”.

Italia Viva continua a spingere per un compromesso. Lo fa con il presidente dei senatori Davide Faraone, che a Omnibus su La7 dice “noi dobbiamo tutelare le persone che rischiano la pelle ogni giorno per un diritto negato: oggi valuteremo se ci sono le convergenze necessarie all’intesa. Non capisco davvero perché non si possa tornare al testo Scalfarotto”. E l’autore di quel testo di legge, Ivan Scalfarotto di Italia Viva, sulle colonne del Foglio, afferma che “se andiamo in aula al Senato con i numeri risicati, con Calderoli che presenterà milioni di emendamenti, letteralmente, perché lui ha un algoritmo per questo, allora mi chiedo se fare la bella morte in Aula offrendo il petto al fuoco nemico sia la strada giusta. Allora dobbiamo trovare un compromesso, il testo che avevo presentato io era stato firmato anche da Zan, e non parla di identità di genere ma di omofobia e transfobia. Se su questo è più facile trovare un accordo, secondo me potrebbe essere più produttivo. Altrimenti dovremo andare al muro contro muro, e sperare che Dio ce la mandi buona. Ma secondo me non è la strada giusta”.

La Lega d...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli