È morto in gara il pilota Dean Berta Vinales. Aveva 15 anni

·1 minuto per la lettura

AGI - Dean Berta Vinales non ce l'ha fatta: il pilota è morto all'ospedale di Siviglia.

L'annuncio ufficiale degli organizzatori del campionato mondiale di Superbike è arrivato via social.

 

We're deeply saddened to report the loss of Dean Berta Viñales.

The #WorldSBK family sends love to his family, loved ones, and his team. Your personality, enthusiasm, and commitment will be hugely missed.

The whole motorcycle racing world will miss you, Dean. Ride in Peace. pic.twitter.com/46KuUt4Vnl

— WorldSBK (@WorldSBK) September 25, 2021

;

 

"Siamo profondamente rattristati di segnalare la perdita di Dean Berta Vinales. La famiglia del Mondiale Superbike invia amore alla sua famiglia, ai suoi cari e alla sua squadra. La tua personalità, entusiasmo e impegno ci mancheranno enormemente. Mancherai a tutto il mondo delle corse motociclistiche, Dean. Corri in pace". 

Secondo le ricostruzioni dei corridori (non c'è un filmato dell'incidente) il giovanissimo spagnolo (nato il 20 aprile 2006, aveva 15 anni) sarebbe caduto e travolto dagli altri.


Dean Berta Vinales correva su una Yamaha Yzf-R3 del Vinales Racing Team gestito dal papà di Maverick, il 26enne pilota MotoGp dell'Aprilia vincitore in carriera di un Mondiale Moto3 nel 2011 e di 23 gare.

Nell'incidente, nella curva 2 del circuito di Jerez, all'undicesimo giro sono rimasti coinvolti Dean Berta Vinales, Alejandro Carrion, Daniel Mogeda, Harry Khouri e Yeray Ruiz.

La gara è stata immediatamente interrotta e non è ripresa; i risultati sono stati stilati sulla classifica del giro precedente completato, dando a Jeffrey Buis una stretta vittoria sul compagno in Kawasaki Inigo Iglesias.

Il quindicenne Vinales è il cugino del nove volte vincitore della MotoGP Maverick e stava disputando la sua prima stagione nella WSSP300.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli