Decaro: accoglienza diffusa e integrazione per i profughi afghani

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 ago. (askanews) - "Noi abbiamo il dovere istituzionale e umano di tendere la mano a chi ha provato negli ultimi anni a costruirsi un futuro libero e civile a casa propria e che ora invece si sono viste costrette a lasciare la propria casa perche´ in pericolo". Detto questo, però, "non c'è accoglienza senza integrazione". E "per far sì che questo avvenga l'accoglienza deve essere diffusa". Lo sottolinea in una intervista a Repubblica il presidente dell'Anci Antonio Decaro, Sindaco Pd di Bari.

"Occorre gestire la collocazione delle persone in maniera ragionata - sottolinea fra l' altro Decaro- e dando la possibilita' ai territori di integrare queste persone. Il nostro e' un paese capace di grandi slanci di solidarieta' ma occorre dare ai cittadini e alle istituzioni territoriali la possibilita' di accogliere davvero queste persone, non soltanto con spirito caritatevole, ma anche offrendo servizi e opportunita'. In questo modo avere la possibilita' non solo di accogliere ma anche di accompagnare le comunita' locali in un percorso di conoscenza e integrazione. Questa e' la sfida che abbiamo davanti. Nessuno pensa che sarà facile, ma abbiamo gli strumenti per gestirla insieme".

"L'Italia - afferma ancora il presidente dell'Anci- è un paese straordinario, capace di grandi manifestazioni di solidarietà. E' bastato il passa-parola tra associazioni, scuole, parrocchie e rete di volontari che si sono moltiplicate le disponibili- ta' di famiglie pronte ad accogliere, non solo i minori ma intere famiglie. In tanti si stanno mobilitando per accogliere e mettere su una rete di protezione sociale delle persone che arriveranno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli