Deceduto il giovane di 28 anni aggredito a fine ottobre all’ex macello di Milano

·2 minuto per la lettura
milano
milano

Il ragazzo di 28 anni, di origine marocchina, aggredito alla fine di ottobre a Milano è deceduto dopo aver trascorso le ultime settimane in gravissime condizioni di salute, lottando costantemente tra la vita e la morte.

Milano, morto Mouhmed Elannoni: il 28enne marocchino assalito il 29 ottobre presso l’ex macello

Nella giornata di venerdì 26 novembre, è stato comunicato che Mouhmed Elannoni, il giovane uomo di 28 anni originario del Marocco aggredito nella serata del 29 ottobre, è tragicamente deceduto dopo aver lottato per settimane tra la vita e la morte.

Il 28enne era ricoverato in ospedale da settimane: il ricovero si era reso indispensabile in quanto il giovane era stato assalito in prossimità di una delle palazzine dell’ex macello sito al civico 62 di viale Molise, a Milano.

Milano, morto Mouhmed Elannoni: l’annuncio della polizia

La notizia è stata diffusa dalla questura meneghina che ha spiegato che Mouhmed Elannoni è morto nella giornata venerdì 12 novembre, nonostante la scomparsa del 28enne sia stata comunicato soltanto nella giornata di venerdì 26.

Mouhmed Elannoni è deceduto presso l’ospedale Fatebenefratelli di Milano, dove era stato portato nella serata del 29 ottobre e dove era stato ricoverato in condizioni estremamente critiche.

Milano, morto Mouhmed Elannoni: l’arresto del presunto aggressore

Per quanto riguarda l’aggressione perpetrata ai danni del 28enne di origine marocchina avvenuto nei pressi dell’ex macello di Milano, pare che il presunto aggressore sia un 30enne ivoriano.

Il sospettato è stato rintracciato e posto in stato di fermo dalla polizia con l’accusa di tentato omicidio. La contestazione, tuttavia, con il decesso di Mouhmed Elannoni, è destinata ad essere tramutata in una accusa di tentato omicidio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli