Deceduto il padre della ex moglie del batterista dei Pooh

·2 minuto per la lettura
morto suocero Stefano d'Orazio
morto suocero Stefano d'Orazio

Una terribile notizia per Tiziana Giardoni l’ex moglie di Stefano d’Orazio. Nelle prime ore del mattino del 27 novembre sarebbe morto il padre. Una notizia che è stata confermata anche dagli altri membri dei Pooh come Roby Facchinetti che ne ha dato la notizia con un post su Facebook. Una notizia quindi devastante a sole poche settimane di distanza dalla morte del marito. “La vita mi ha portato via i miei due grandi amori .. ciao papino mio … ti ho amato tanto”, queste le parole condivise da Tiziana Giardoni sui social.

GUARDA ANCHE - Il messaggio dopo la morte di Stefano D’Orazio

Morto suocero di Stefano d’Orazio

A poche settimane dalla morte del batterista dei Pooh Stefano d’Orazio a causa del Coronavirus è deceduto anche l’ex suocero e padre della moglie Tiziana Giardoni con cui d’Orazio era legato dal 2007. La notizia è stata diffusa con un post sui social dalla stessa Giardoni: “E adesso lassù voi due che farete ??? La vita mi ha portato via i miei due grandi amori .. ciao papino mio … ti ho amato tanto e ti amerò per sempre!”

Nella giornata del 26 novembre l’ex moglie di Stefano d’Orazio ha condiviso una poesia scritta dal batterista dei Pooh nel 2019 in occasione della giornata internazionale sulla violenza delle donne. “Non siamo certo noi che con il nostro carattere prevarichiamo le nostre donne. Non siamo certo noi che pretendiamo l’impretendibile. Non siamo certo noi che urliamo le nostre ragioni e non vogliamo ascoltare. Non siamo certo noi violenti e intolleranti, gelosi e possessivi. Non siamo certo noi…..No!”.

Il cordoglio di Roby Facchinetti

A scrivere dei messaggi di cordoglio non sono mancati i membri dei Pooh in particolare Roby Facchinetti che con un post su Facebook ha scritto: “Che Dio ti aiuti a trovare la forza di sopportare anche la dolorosissima perdita del tuo amatissimo papà. Io, Giovanna, i miei figli, ti siamo vicini con tutto il nostro affetto”.