Deceduto lo sceneggiatore e attivista James Redford: aveva 58 anni

·2 minuto per la lettura
Robert Redford morto il figlio
Robert Redford morto il figlio

Lutto per Robert Redford. Il figlio James sceneggiatore e attivista di successo è morto all’età di 58 anni. L’uomo si è spento in seguito ad una lunga battaglia contro il cancro. A dare la notizia del figlio di Robert Redford è stata la moglie Kylie tramite un post su Twitter. Il padre per il momento non ha rilasciato dichiarazioni, ma non ci sono dubbi sul fatto che questo evento possa essere stato un ennesimo colpo cuore. Robert Redford aveva perso già in passato un altro figlio. Nel 1959 dalla prima moglie Lola Van Wagenen è nato il primo figlio Scott, purtroppo deceduto a soli 2 mesi a causa di una malattia letale infantile. Oltre a James inoltre Robert Redford ha avuto altri due figli: Shaun nato nel 1962 e Amy nata nel 1970.

Morto il figlio di Robert Redford

“Jamie è morto oggi. Abbiamo il cuore spezzato. Ha vissuto una vita bellissima, incisiva, ed è stato amato da molti. Ci mancherà profondamente”. inizia il così il post scritto dalla moglie Kylie e dedicato a James Redford, il figlio del celebre attore Robert Redford, sceneggiatore di successo oltre che attivista per i diritti umani. Il figlio del noto attore di 58 anni lottava da due anni nella battaglia contro il cancro. In passato si era sottoposto a due trapianti di fegato. Questo lo aveva poi portato a fondare l’ente di ricerca James Redford Institute for transplant awareness nel quale si era battuto affinché le persone potessero donare i loro organi per poter salvare in questo preziose vite umane.

Lo sceneggiatore James Redford lascia una moglie con cui era insieme da 32 anni e due figli: “Come sua moglie da 32 anni, sono molto grata per i due figli spettacolari che abbiamo cresciuto insieme. Non so cosa avremmo fatto senza di loro negli ultimi due anni”, ha proseguito la moglie Kylie. James Redford aveva in più occasioni affiancato l’attività del padre, inoltre è stato molto attivo nell’attività umanitaria sostenendo diverse associazioni attive nella ricerca contro il cancro come ad esempio la San Francisco Cancer Prevention.