Decine di arresti negli scontri a Gerusalemme per il Ramadan

·1 minuto per la lettura
featured 1295285
featured 1295285

Milano, 23 apr. (askanews) – La polizia israeliana afferma che 44 persone sono state arrestate e 20 agenti sono rimasti feriti in una notte di caos e violenza a Gerusalemme, dove le forze di sicurezza si sono scontrate separatamente con palestinesi infuriati per le restrizioni al Ramadan e con estremisti ebraici che hanno tenuto una marcia anti-araba nelle vicinanze. La Mezzaluna Rossa ha detto che sette palestinesi sono stati feriti. Il tutto dopo gli incidenti di mercoledì, quando 70 persone – sia israeliani che palestinesi – sono state arrestate.

Le violenze questa volta sono avvenute vicino alla Città Vecchia: la polizia aveva bloccato l’accesso ad alcune aree dove i palestinesi sono soliti riunirsi in gran numero durante il sacro mese di digiuno musulmano del Ramadan. I disordini sono scoppiati in seguito a dei video pubblicati online: mostravano i palestinesi, inclusi i giornalisti, molestati da giovani ebrei.

Separatamente giovedì notte, il gruppo israeliano di estrema destra Lehava (Fiamma) ha organizzato una marcia a Gerusalemme ovest. Un poliziotto è stato ferito al volto da palestinesi che lanciavano pietre, tentando di tenere una contro-protesta.

La settimana era cominciata nel segno della violenza, quando nel quartiere storicamente arabo di Jaffa a Tel Aviv, i residenti hanno aggredito un rabbino.