Decreto aiuti, approvato il bonus da 200 euro: quando arriva e a chi spetta

Nella sera di lunedì 2 maggio 2022 è arrivato il via libera del Consiglio dei ministri al decreto con i nuovi aiuti per famiglie e imprese per contrastare gli effetti della guerra in Ucraina. Tante le novità di rilievo, come il rinnovo del bonus sociale e la proroga del taglio delle accise sui carburanti, ma quella che ha rubato l'attenzione è il bonus da 200 euro per dipendenti e pensionati.

Bonus 200 euro, a chi spetta

Decreto aiuti e bonus da 200 euro
Decreto aiuti e bonus da 200 euro

Come sottolineato dal presidente del Consiglio Mario Draghi il contributo da 200 euro incluso nel decreto aiuti approvato dal Consiglio dei ministri è “importante provvedimento di sostegno ai redditi di 28 milioni di italiani”. Una misura che “consente di aiutare le famiglie” limitando il rischio di ulteriore aumento dell’inflazione

Nello specifico si tratta di un bonus una tantum, una misura di sostegno al reddito che riguarderà:

  • Pensionati

  • Lavoratori dipendenti

  • Lavoratori autonomi

La misura vale oltre 6 miliardi e per finanziarla arriva un aumento dal 10 al 25% della tassa sugli extraprofitti (o meglio sul maggior valore aggiunto) delle imprese energetiche.

VIDEO - Dl aiuti, Draghi: bonus 200 euro per redditi fino a 35mila euro

Bonus 200 euro, come ottenerlo

Gli interessati al bonus, una platea di oltre 28 milioni di italiani, non dovranno fare nulla per ottenere il contributo approvato con il decreto aiuti. Infatti verrà versato direttamente nel cedolino della pensione o nella busta paga, come fosse un aumento. Da definire invece le modalità per i lavoratori autonomi.

Trattandosi di un contributo una tantum, verrà erogato una sola volta.

Bonus 200 euro, quando arriverà

Parte ora l'attesa per il riconoscimento del bonus. Non è ancora stata comunicata ufficialmente una data, ma ci si aspetta possa arrivare presumibilmente tra giugno e luglio.

Come spiegato dal ministro dell'Economia e delle finanze Daniele Franco, il bonus sarà erogato “non appena tecnicamente possibile”. Per i lavoratori dipendenti, che lo ritroveranno nella busta paga, sarà il datore di lavoro a erogarlo, poi le aziende recupereranno la cifra al primo pagamento di imposta possibile.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli