Decreto sostegni, ok commissioni Senato: stop Imu e canone Rai

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

Via libera al decreto Sostegni da parte delle commissioni Bilancio e Finanze del Senato. I lavori, rinviati a più riprese nel corso del pomeriggio di ieri, si sono conclusi nella notte conferendo il mandato ai relatori. Il governo ora lavora al maxi-emendamento con le modifiche approvate per poi porre la fiducia. Il provvedimento dovrebbe approdare in Aula a Palazzo Madama domani o al più tardi giovedì.

Tra gli emendamenti approvati lo stop al pagamento della rata Imu di giugno per i beneficiari dei ristori, l'intervento sulla tassa sull'occupazione del suolo pubblico, Tosap, e l'esenzione dal pagamento del canone Rai per bar, pub e ristoranti. Rinviato al 30 settembre il pagamento dell'Irap da parte delle imprese.

E ancora: esenzione Irpef sui canoni di locazione non percepiti. Un altra modifica approvata prevede inoltre il ricorso ai Covid hotel come centri vaccinali per rafforzare con maggiore efficienza logistica la rete dei centri di somministrazione dei vaccini e di dare così il massimo impulso alla campagna vaccinale.

In arrivo poi 20 milioni per il 2021 per il fondo per le emergenze delle emittenti locali e cinque milioni di euro al sistema termale per far fronte agli effetti della crisi post Covid.

“Sono molto soddisfatto del lavoro che la maggioranza ha fatto in nelle commissioni Bilancio e Finanze dove stanotte abbiamo chiuso le votazioni sugli emendamenti al Dl Sostegni", ha commentato Daniele Manca, capogruppo Pd in commissione Bilancio a Palazzo Madama e relatore del decreto Sostegni. "Siamo riusciti a portare la dote di risorse destinate agli emendamenti parlamentari da 550 milioni a 770 circa e questo ci ha permesso di lavorare al meglio sul primo obiettivo che ci eravamo proposti: il taglio dei costi fissi per imprese del settore dei pubblici esercizi e del turismo", afferma. "Penso - aggiunge - all’esenzione totale della prima rata Imu, all’esenzione della tassa sull’occupazione del suolo pubblico fino al 31 dicembre, all’esenzione dell’Irpef sui canoni di locazione non percepiti e all’esenzione del canone Rai per i locali che hanno dovuto chiudere. Molto importante poi è la proroga Irap al 30 settembre annunciata già dal governo e l’intervento sulle misure d’allerta per abbattere l’impatto dell’entrata in vigore del Codice crisi d’impresa". "Ci sono poi - prosegue - una serie di norme, penso a quella sul finanziamento per il completamento dei tre cicli per i dottorandi, al rifinanziamento del fondo per le società sportive dilettantistiche, agli aiuti per il comparto dei bus turistici e per quello delle tv private che non hanno avuto raccolta pubblicitaria e a quello per le start up, che possono essere una boccata di ossigeno per tante aziende. Mi sembra sia stato fatto un buon lavoro e anche come capogruppo Pd in commissione sono soddisfatto: molte delle nostre priorità sono contenute nei testi approvati".Non secondario, infine, conclude, "l’impegno che abbiamo chiesto al governo, attraverso una serie di ordini del giorno, per inserire nel decreto Sostegni 2 alcune misure altrettanto prioritarie: credito d’imposta per le locazioni commerciali, l’esonero della Tari, il tema del costo dell’energia, le risorse ai comuni per il sostegno alle famiglie in difficoltà e le risorse per affrontare il disagio psicologico dei minori. Mi sembra sia stato fatto un buon lavoro evitando di disperdere e frantumare risorse”.