Decreto sostegno bis, quando arriva: le news

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Conclusa la stesura del Pnrr, il Mef accelera i lavori sul decreto Sostegni Bis. A quanto apprende l'Adnkronos, sono infatti partite stamani al dicastero le riunioni tecniche e politiche su quello che si auspica possa essere l'ultimo provvedimento di ristoro economico alle attività messe in ginocchio dalle restrizioni anti-Covid. ll dl vale 40 miliardi di euro, 5 dei quali destinati agli investimenti extra-Recovery plan per il 2021. L'approdo in Consiglio dei ministri non arriverebbe prima della prima settimana di maggio.

Sostegni – Saranno 22 miliardi le risorse del dl destinate alle indennità a fondo perduto per le attività che hanno registrato perdite a causa dei lockdown. Rispetto al precedente round di aiuti, questo coprirà l'arco di due mesi e sarà dunque doppio contro l'unica mensilità dei precedenti dl; sui criteri di accesso le opzioni sarebbero tre: replicare la soglia minima del 33% di perdite di fatturato rispetto agli stessi mesi dell'anno precedente; abbassare l'asticella al 20% di fatturato o valutare il paradigma, sostenuto dalla Lega, di calcolo delle perdite effettive guardando non più al fatturato ma al bilancio.

Taglio Tosap, Imu e bollette – Il dl dovrebbe intervenire sul taglio dei costi fissi: tra questi, l'Imu di giugno, la proroga dell'esenzione Tosap e Cosap sull'occupazione del suolo pubblico e il taglio dei costi fissi sulle bollette.

Prestiti – Il dl proroga almeno fino a fine anno la moratoria su finanziamenti e sui mutui introdotti con il dl Liquidità. Viene inoltre allungata la scadenza per il rimborso dei prestiti garantiti dallo Stato attraverso il fondo centrale per le Pmi oltre i 10 anni inizialmente previsti. Allo studio, inoltre, vi è la possibilità di aumentare l’ammontare massimo del prestito oltre i 30mila euro.

Sfratti – Ulteriore proroga del blocco degli sfratti.

Rai – Esenzione canone Rai per strutture ricettive e servizi di ristorazione.

Fisco – Per quanto riguarda le scadenze fiscali l’ipotesi è di rinviare almeno fino a giugno il pagamento di Irpef e Irap, così da unificarlo con il saldo delle imposte.

Misure ad hoc – Previste misure ad hoc per i settori più penalizzati come turismo, wedding ed eventi.