Decreto stato emergenza, spunta modifica norma sugli 007

·1 minuto per la lettura
modificata legge servizi segreti decreto
modificata legge servizi segreti decreto

Il governo ha inserito nel decreto per la proroga dello stato d’emergenza la nuova legge sui servizi segreti, modificata nella fattispecie nel rinnovo dell’incarico. Rispetto alla norma del 2007 però rimane invariata la durata, sempre 4 anni per ogni incarico. Accordo non totale con il Copasir, che ora chiederà maggiori chiarimenti al presidente Giuseppe Conte in merito alle modifiche effettuate senza il coinvolgimento di tutti gli organi preposti al controllo.

Servizi Segreti, legge del 2007 modificata

La legge del 2007 relativa alle norme dei servizi segreti italiani è stata modificata recentemente e inserita nel decreto per la proroga dello stato d’emergenza dello scorso 30 luglio.

Una decisione presa dal governo con il solo scopo di ” Garantire la piena continuità nella gestione operativa del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica”.

Rispetto alla norma precedente, la durata degli incarichi rimane al massimo di 4 anni, ma cambia la possibilità di rinnovo, che non presenta più limitazioni temporali.

Chiarimenti

Secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, Conte avrebbe preso la decisione senza interpellare tutti gli organi di controllo. Il Copasir, organo che esercita il controllo parlamentare sull’operato degli 007 italiani, ha richiesto maggiori chiarimenti al presidente del Consiglio, l’unico ad aver la delega politica sui servizi segreti italiani oltre al Copasir.

Con l’emendamento, Gennaro Vecchioni, direttore del Dis e i due vertici dell’Aise e Aisi Gianni Caravelli e Mario Parente potranno ottenere il rinnovo degli incarichi più volte, sempre rispettando la durata massima dei 4 anni.