Dedicò una serenata alla moglie malata, alpino ora suona in un centro Covid

Stefano Benfenati
·1 minuto per la lettura

AGI - La sua fisarmonica continua a suonare anche nella stanza di un centro Covid. Le immagini della serenata dedicata alla moglie dal cortile di un ospedale dall'alpino Stefano Bozzini, commossero  tutta Italia. Un video ‘virale' che attraverso i social aveva girato tutto il mondo.

Dopo la scomparsa della moglie, l'81enne è ora ricoverato nel centro Covid di Cortemaggiore, in provincia di Piacenza, perché positivo al coronavirus. L'alpino non ha sintomi e le sue note rallegrano anche gli altri pazienti. “In molti lasciano le porte aperte delle loro stanze per ascoltare la musica. A livello psicologico si sente solo per la mancanza della moglie ma grazie alla sua fisarmonica riesce ad affrontare anche questo momento. È molto contento di poter suonare”, racconta all'AGI il personale sanitario che questa mattina è andato a trovare la ‘penna nera'.

Alcuni operatori sanitari per tenere alto lo spirito si sono esibiti un una mazurka improvvisata. E non mancano gli applausi al fisarmonicista  al termine delle suonate. Il centro di Cortemaggiore ospita persone positive al Covid (22 persone è la capienza massima) che non possono trascorrere il periodo di isolamento al proprio domicilio perché non completamente autosufficienti.