Deejay morta: l'incidente in galleria, testimoni 'prima lo schianto e poi la fuga nel bosco' (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Messina) – Un'altra testimone, sempre leggendo le carte visionate dall'Adnkronos, ha visto la donna con il bambino "in piedi, da solo, a fianco della donna". "…Mentre stavamo per fermarci nella piazzuola, poco dopo essere usciti dalla galleria, sulla destra, appena fuori dalla galleria, notavo la presenza di un’altra persona, in particolare una donna che teneva per mano un bambino, che era in piedi di fianco a lei. Ricordo che la signora teneva il bambino con la mano sinistra e il bambino si trovava in piedi alla sua sinistra; entrambi erano fermi al lato della strada, appena fuori dalla galleria ….”). Dunque, il piccolo Gioele era ancora vivo e stava bene dopo l'incidente. Non ha riportato ferite visibili. "Appare dunque del tutto fondato ritenere che Viviana, subito dopo l’incidente in galleria, una volta uscita dall’autovettura e recuperato Gioele, si sia volontariamente allontanata dalla sede autostradale – dice la Procura- Ella, nel giro di pochi istanti, si nascondeva tra la fitta vegetazione esistente sul bordo autostrada e non rispondeva ai richiami delle persone che la stavano cercando. Molto probabilmente, costei ha deliberatamente atteso che quegli individui andassero via, per poter riprendere a muoversi, insieme al suo bambino".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli